A Oscar Green Book amicizia antirazzista – Cinema


(ANSA) – ROMA, 23 GEN – Con cinque candidature ‘pesanti’ tra
cui Miglior film, Miglior attore (Viggo Mortensen) e Miglior
attore non protagonista (Mahershala Ali) Green Book di Peter
Farrely, in sala dal 31 gennaio con Eagle Pictures, già
vincitore di tre Golden Globe e del premio del pubblico a
Toronto, è certamente tra i film dell’anno e tra i favoriti alla
Notte degli Oscar il 24 febbraio. Per la storia e per quello che
rappresenta, in tema di inclusione razziale e diversità.
   
Si racconta dell’amicizia, durata tutta la vita, nata nel
1962 fra un virtuoso afroamericano del pianoforte, Don Shirley
(Ali) e il buttafuori italo americano Tony Vallelonga
(Mortensen), ingaggiato dal musicista per fargli da autista e
‘risolviguai’ durante un tour negli Stati Usa del sud, dove il
razzismo era ancora profondamente radicato.
   
“Green Book non ti dice cosa devi pensare, ascoltare o vedere –
ha detto Viggo Mortensen – non è una lezione forzata, è una
bella storia condivisa del passato che può aiutarci a capire il
presente”.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:








https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cinema/cinema_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi