Ammirati, i sogni vanno conquistati – Libri


 (ANSA) – ROMA, 31 GEN – LUCA AMMIRATI, ‘SE I PESCI GUARDASSERO LE STELLE’ (DEA PLANETA, PP 333, EURO 16,00).
 Racconta le fragilità, le incertezze e paure di una generazione che vive nella precarietà, che cerca un posto nel mondo, ‘Se i pesci guardassero le stelle’ (DeA Planeta), il romanzo d’esordio di Luca Ammirati che non si abbandona però alla negatività. Anzi invita a credere nei propri sogni e a combattere quando le cose non vanno, come fa Samuele, il protagonista trentenne della storia che vorrebbe diventare un creativo pubblicitario ma i suoi progetti vengono puntualmente bocciati. “Bisogna avere tenacia, portare avanti battaglie che sembrano perse. I sogni vanno conquistati, bisogna dare molto. E chiedersi ‘cosa facciamo per cambiare le cose?’. Samuele si lamenta ma non dà mai la colpa a qualcun’altro. Parte dal presupposto che è lui che deve trovare la sua strada” dice all’ANSA Ammirati, sanremese doc, 35 anni, dal 2017 responsabile della sala stampa del Teatro Ariston che si prepara ad ospitare dal 5 febbraio il Festival di Sanremo.
    “I sanremesi, come tutti gli italiani, il Festival o lo amano o lo odiano. E’ la settimana della grande confusione, non trovi parcheggio, non ti puoi muovere. Io qui sono nato e cresciuto e lo amo. Rispetto a una volta è diminuito l’affollamento di gente che fa la posta per avere un autografo e vedere le star. La causa sono i social e le misure di sicurezza, per cui quest’anno non ci sarà il red carpet. La preoccupazione è sempre la stessa: i primi dati di audience. Se la prima serata va bene tutti si rasserenano e lavorano meglio” racconta Ammirati che non avrebbe mai immaginato che Sanremo e i luoghi dove è cresciuto sarebbero diventati scenario del suo romanzo. Di giorno reporter precario e malpagato, di sera guida all’osservatorio di Perinaldo, sopra Sanremo, Samuele gira a vuoto ma un asso nella manica però ce l’ha: è un amico speciale, apparentemente insignificante, il pesce rosso Galileo, chiamato Leo che alla fine è la piccola grande star del libro.
    “Galileo è la sponda ideale, è imperturbabile e la sua preziosa lezione è quella di essere silenzioso. Viviamo in un mondo rumoroso, dove tutti parlano ed è sempre più difficile farsi ascoltare. L’unica differenza tra lui e Samuele è che Leo non ha mai visto il cielo e le stelle” dice lo scrittore. Ex assessore alla cultura del Comune di Perinaldo, paese di mille anime, originario della nonna dell’autore, Ammirati ha messo piede per la prima volta all’osservatorio a 6 anni. “Il cielo lì fa veramente impressione” e proprio nella notte di San Lorenzo in questo luogo magico avviene il momento di snodo della storia: quello in cui Samuele incontra Emma, della quale si innamora all’istante. “Mi sembrava perfetto che ci fosse una svolta nella notte più romantica dell’anno, sia dal punto di vista astronomico che poetico” spiega l’autore che ha sempre coltivato il sogno della scrittura, si è occupato di editoria digitale e web tv. “Emma – spiega – è un’assenza-presenza.
    Condiziona e ossessiona il protagonista e ne stravolge l’esistenza. Non è una principessa, è una donna attuale, con le stesse paure e insicurezze del protagonista. I miei personaggi alla fine sono più complessi di quello che potrebbero sembrare all’inizio. Al netto di qualche sbavatura, sono gentili. Samuele è un po’ vecchia maniera, preferisce incontrare le persone, abbracciarle”. Romanzo generazionale, ‘Se i pesci guardassero le stelle’ in fondo parla a tutti. “C’e’ un po’ di Samuele in noi perchè non si smette mai di sognare e di essere insicuri. Ho cercato di trattare con delicatezza temi attuali e di tutti. C’e’ troppa negatività. Non dobbiamo dimenticarci che c’è sempre un risvolto positivo, un po’ di poesia. Possiamo reinventarci, trovare altre soluzioni” afferma Ammirati che parla e scrive con grande sincerità. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:








https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cultura_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi