Ancora un giorno, tra le vite in guerra – Cinema


(ANSA) – ROMA, 30 DIC – “Se un uomo crede di aver visto
tutto, qualcosa di molto prezioso è morto dentro di lui, il
piacere di vivere”. Era una delle convinzioni del grande
reporter polacco Ryszard Kapuscinski (1932-2007), che in 47 anni
di viaggi ha seguito una serie di guerre e colpi di Stato,
dall’Asia all’Africa, al Sudamerica. Una delle sue testimonianze
memorabili, quella sulla guerra civile in Angola, rivive in un
coinvolgente mix di animazione e live action, con filmati
d’archivio e interviste ai protagonisti nel Paese di oggi, in
‘Ancora un giorno’ di Raul de la Fuente e Damian Nenow. Premiato
come miglior film d’animazione agli European Film Awards 2018,
sarà in sala dal 31 gennaio con I Wonder Pictures e Unipol
Biografilm Collection.
   
Tratto dall’omonimo libro di Kapuscinski, il film, che unisce
racconto di vita e di morte a grandi eventi, ripercorre il caos
(o ‘confucao’, come lo chiamavano gli angolani), nel quale
precipita il Paese nel 1975 con l’addio dei portoghesi alle
colonie africane e la guerra civile.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:









https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cultura_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi