Antonioni, Risi, Scola e le attrici – Cinema


(ANSA) – ROMA, 22 OTT – “Del cinema di Risi, Scola e
Antonioni e di loro come persone si è detto molto, ma le donne,
le attrici dei loro film, riescono ad avere una prospettiva
originale e sanno mettere in luce qualche aspetto in più”. Lo
dice all’ANSA Gianfrancesco Lazotti, per spiegare come sia nato
‘Muse e dei’, il documentario in prima mondiale alla Festa del
Cinema di Roma, che raccoglie gli sguardi su Risi, Scola e
Antonioni, delle muse che li hanno ispirati.
   
Tra le interpreti presenti nel film non fiction, con nuove
interviste o materiale d’archivio, Ornella Muti, Alessandra
Panaro, Catherine Spaak, Fanny Ardant, Isabella Ferrari,
Giovanna Ralli, Stefania Sandrelli, Lucia Bosè e Monica Vitti.
‘Muse e dei’, prodotto da Surf Film e Tikkun Productions in
associazione con Istituto Luce – Cinecittà (anche distributore)
e con Stefano Libassi per Movietime, “è parte di un progetto con
la Francia. Loro stanno realizzando tre documentari su Bunuel,
Chabrol e credo Resnais”, dice Lazotti.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA










https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cultura_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi