Apple citata in giudizio per il notch. La consumatrice: “Nelle pubblicità non si vede”


LA ‘tacca’ dell’iPhone non è ben visibile: con questa motivazione in California (Usa) una consumatrice ha citato in giudizio Apple additando le immagini promozionali che non mostrerebbero a dovere il cosiddetto ‘notch’, la porzione di display che racchiude i sensori frontali (fotocamera e Face ID). Nella principale immagine dell’ultima campagna di lancio degli smartphone della Mela, lo sfondo utilizzato negli iPhone XS ha una porzione nera che finisce per mimetizzare il notch.

Courtney Davis sostiene sia stata una scelta precisa e fuorviante da parte dell’azienda di Cupertino e ha affidato il caso al suo avvocato sostenendo di essersi accorta della presenza del notch solo dopo aver acquistato e scartato un iPhone XS Max.

L’esempio di Davis potrebbe avere seguito con una class action e gli avvocati della consumatrice sperano in un risarcimento più cospicuo. Apple, che per ora non si è pronunciata sul caso, potrebbe quindi essere portata in tribunale non per i difetti dei suoi prodotti ma per la sua campagna di marketing. Un precedente che inviterà Cupertino e forse anche le altre compagnie hi-tech a una maggiore cautela nella scelta delle immagini e degli slogan promozionali.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi