ArchiVe, digitalizzare con sostenibilità – Arte


(ANSA) – VENEZIA, 24 OTT – Tecnologie di ultima generazione
per digitalizzare all’insegna della massima qualità e fruibilità
il ricco patrimonio culturale della Fondazione Cini, ma anche
soluzioni “pratiche”, quasi invenzioni che richiamano
l’Archimede dei fumetti, come l’uso di elastici come tiranti o
aspirapolvere per far uscire aria che “preme” sul piano preziose
incisioni o disegni, per ricondurre il tutto sul piano della
sostenibilità, non solo economica.
Attorno a questi due concetti, a cui si uniscono l’impegno
per la formazione sul campo di giovani laureati e la ricerca, si
muove il nuovo centro dedicato alla tecnologia e alla
conservazione digitale del patrimonio culturale sull’isola
veneziana di san Giorgio Maggiore. L’iniziativa, che ha dato
vita ad “ArchiVe”, è frutto della collaborazione della
Fondazione Giorgio Cini con Factum Foundation e DhLab dell’Ecole
Polytechnique Federale de Lausenne. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA










https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cultura_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi