Arriva serie di libri del pesce-zombie – Libri


(ANSA) – ROMA, 18 FEB – Un pesce rosso che rinasce zombie e
ti ipnotizza se lo guardi negli occhi. E’ Frankie,
l’irresistibile e stravagante protagonista di un’esilarante
serie di narrativa in sei volumi che sta andando a ruba nel
mondo, facendo conoscere un nuovo memorabile personaggio capace
di conquistare i lettori più piccoli, dai 7/8 anni. La serie, da
oltre un milione di copie, tradotta in 12 lingue, arriva in
Italia il 21 febbraio per Il Castoro con il primo titolo, ‘Il
mio grosso grasso pesce zombie’ (pp 192) di Mo O’Hara,
scrittrice e sceneggiatrice americana, con in passato una breve
carriera da attrice, che vive a Londra, e le immagini
dell’illustratore e graphic designer Marek Jagucki. Il libro,
tradotto da Micol Cerato viene proposto a un prezzo lancio di
4,90 euro.
E dal 21 marzo è in libreria, il 2° libro della serie: ‘Il mio
grosso grasso pesce zombie è tonnato!’.
   
Il pesce Frankie e le sue avventure nascono da una storia vera.
   
Cosa faresti se tuo fratello maggiore decidesse di diventare uno
Scienziato Diabolico e il suo primo esperimento fosse immergere
il tuo pesciolino rosso in un intruglio tossico di colore verde?
Be’, Tom sa che c’è solo una cosa da fare: fulminare il suo
pesciolino Frankie e riportarlo in vita! Ma c’è qualcosa di
strano nel nuovo Frankie. Adesso è un grosso grasso pesce zombie
con poteri ipnotici…ed è in cerca di vendetta!.
   
Il successo della serie, paragonata a Diario di una Schiappa e a
Orrido Henry per la capacità di conquistare alla lettura anche i
lettori più difficili e refrattari della fascia 7-12 anni,
si basa su un mix di ingredienti ben congegnato, fatto di ciò
che i ragazzini amano di più: uno scienziato pazzo, un hacker
informatico, uno zombie (anche se è solo un pesce rosso), grandi
dosi di umorismo e tanta azione. Le illustrazioni che
accompagnano il testo facilitano l’immersione nella storia,
anche per chi sta iniziando ad affrontare la lettura in
autonomia.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:








https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cultura_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi