art+b=love(?), quando arte innova mondo – Arte


(ANSA) – ROMA, 20 MAR – L’artista visivo Filippo Riniolo con
Be the B alla scoperta dei campi in cui l’arte può
fruttuosamente attivarsi. Il progetto DataPoiesis del duo
artistico Iaconesi-Persico, che dall’estrazione dei dati
arriverà fino alla produzione di oggetti. E ancora la mostra
Crescit di Sonia Andresano, che ha lavorato sulla rigenerazione
della periferia multietnica, o le immagini, inedite per
l’Italia, del programma tv Scienza, prodotto da Roberto
Rossellini tra il 1969 e il 1973. Sono alcuni degli appuntamenti
in programma alla 3/a edizione di Art+b=love(?), primo festival
italiano dedicato all’arte che innova scienza, imprese e
società, che torna alla Mole Vanvitelliana di Ancona dal 16 al
19 maggio. Tema di quest’anno, l’imprevisto come opportunità di
scoperta”, raccontano il direttore artistico e il curatore
Cesare Biasini Selvaggi e Federico Bomba. Tra i talk, anche il
rettore del Gran Sasso Scienze Institute, Enrico Coccia,
sull’universo raggio di luce e la campionessa di sci
paralimpico, Sofia Righetti

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi