Arte e digitale, un nuovo Surrealismo – Arte


(ANSA) – Roma, 19 OTT – L’arte che legge il mondo
globalizzato e le sue forme reali e virtuali con le lenti
dell’intelligenza artificiale. Il gesto creativo fonde elementi
diversi e trasversali e attinge al patrimonio visivo, al
digitale, al suono su un terreno dalle possibilità ancora
inesplorate ma che ha le caratteristiche di un Surrealismo del
XXI secolo. Offre questo viaggio nell’immaginario tecnologico
tra i sogni generati da computer e algoritmi la mostra “Low
Form. Immaginaries and Vision in the Age of Artificial
Intellligence”, a cura di Bartoloneo Pietromarchi, fino al 24
febbraio al Maxxi di Roma, che indaga il lavoro di 16 artisti
internazionali.
Provocazioni e nuovi scenari non mancano: dall’avatar che si
interroga sul senso della vita a due robot che affrontano il
rapporto tra uomo e macchina, una live simulation che si
autogenera all’infinito creando mondi sempre diversi,
all’immagine della Bellona di Rubens disegnata da un software in
forma ossessiva.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA










https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cultura_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi