Atchugarry, la ‘luce’ al Ducale Genova – Arte


(ANSA) – GENOVA, 5 LUG – Piegare il marmo per poter creare
luce e portarlo verso l’alto, costringendo chi guarda ad alzare
gli occhi per comprendere il come il dove il quando questa luce
riverbera. Con le sue opere, che compongono la mostra ‘Alla
conquista della luce’ nel salone del Maggior Consiglio di
Palazzo Ducale a Genova, lo scultore uruguayano Pablo Atchugarry
rende omaggio al barocco. E lo fa con 25 opere straordinarie,
alcune in Statuario di Carrara e alcune in bronzo piegate in
seducenti drappeggi. Sembra seta, ma è pietra. “La luce è una
cosa fondamentale per la vita – ha detto Atchugarry
all’anteprima della mostra -: è la luce che racconta il percorso
delle sculture. Ho creato questo chiaroscuro per far emergere
questa luce” e fonderla con il prepotente barocco del Salone.
   
Una sala che “viene in qualche modo ‘aiutata’ da questa arte che
spinge verso l’alto – ha detto la direttrice di Palazzo Ducale
Serena Bertolucci – e aiuta moltissimo questo luogo a essere
quello che è”. La mostra resta allestita fino al 25 agosto.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi