Avengers, quando la fine è un inizio – Cinema


(ANSA) – ROMA, 24 APR – Una fine che riporta all’inizio: è la
dimensione scelta fra epica, omaggi intrecciati al passato,
accenni sul futuro, ritratti emotivi, ritorni e addii, dai
fratelli Anthony e Joe Russo per concludere al 22/o film del
Marvel Cinematic Universe (Mcu) quest’arco narrativo con
Avengers: Endgame, in sala dal 24 aprile, in mille copie, con
Disney. Uno spettacolare capitolo finale per una saga aperta nel
2008 da Iron Man, e capace di incassare in 11 anni, oltre 19
miliardi di dollari. Il racconto riprende dal finale di
Avengers: Infinity War dove il despota Thanos (Josh Brolin) era
riuscito nel suo piano di sterminare metà degli esseri viventi
dell’universo, supereroi compresi. Gli Avengers superstiti, Iron
Man (Robert Downey Jr), Vedova Nera (Scarlett Johansson),
Captain America (Chris Evans), Thor (Chris Hemsworth), Hulk
(Mark Ruffalo), War Machine (Don Cheadle), Occhio di Falco
(Jeremy Renner) e le new entry Ant-Man (Paul Rudd) e Captain
Marvel (Brie Larsson), si confrontano con il senso di perdita.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi