Basket femminile, Italia-Svezia 62-56: azzurre agli Europei


LA SPEZIA – L’Italbasket femminile non tradisce. Dopo l’impresa in Croazia piega (62-56) a La Spezia anche la Svezia e centra la qualificazione agli Europei 2019 in programma in Serbia e Lettonia. Le ragazze di Crespi hanno onorato nel migliore dei modi l’addio alla nazionale della capitana Raffaella Masciadri che lascia l’azzurro dopo ben 192 partite disputate in 17 anni (ha esordito nel 2001). E’ stata una vittoria meritata anche se col brivido visto che le azzurre, sempre avanti nel punteggio, anche di 23 punti, si sono fatte riavvicinare fino a un solo possesso di vantaggio prima di chiudere la sfida. Ottima la prova di Olbis André (20 punti e 9 rimbalzi) ma decisiva è stata anche Zandalasini (8 punti e 8 rimbalzi) che con un canestro e due rimbalzi nel finale ha, di fatto, chiuso la gara.

VITTORIA COL BRIVIDO – A spezzare l’equilibrio pensa Olbis André che guida le azzurre verso un parziale di 9-0 che le issa sul 26-15 al 15′. La Svezia non reagisce e allora l’Italia ne approfitta per salire fino al +21 al 19′ (40-19) grazie, oltre alla solita André, anche alle triple di Penna e al risveglio di Sottana. Dotto e compagne sono perfette in difesa e al 24′ doppiano le avversarie (46-23). Sembra già finita e, invece, complice un calo di tensione delle azzurre, la Svezia risale la china, presa per mano dalla rediviva Halvarsson, e si riporta sotto (50-41 al 30′). L’ultimo quarto diventa una battaglia di nervi: le due squadre sbagliano tanto ma più lucidi restano le scandinave che salgono fino al -2 (56-54) a 3’30” dalla fine. L’Italia finalmente si risveglia e con due penetrazioni di Dotto e Zandalasini interrompe il lungo digiuno e torna sul +6. La Svezia s’innervosisce, gestisce male gli ultimi palloni e consente, così, all’Italia di far festa.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi