Basket, Nba: crisi senza fine per San Antonio, Dallas prosegue la rincorsa


WASHINGTON – Adesso è crisi. Terza partita nelle ultime quattro uscite con oltre 30 punti di scarto e penultimo posto nella Western Conference. Nuovo tracollo di San Antonio (11-13) a Salt Lake City dove Utah (12-13) dilaga 139-105. Serata non facile per Marco Belinelli, al rientro dopo il turno di stop per un problema al collo, in campo per 23′, ma con soli 5 punti e 3 assist messi a referto.

LA CRISI DI SAN ANTONIO – Dal 1997 ad oggi era già accaduto altre due volte nella storia della franchigia texani di concedere oltre 135 punti per la quinta volta in stagione. Coach Popovich è una furia nonostante i quattro i giocatori in doppia cifra con Poeltl che dalla panchina ne fa 20, si fermano a 16 DeRozan e Aldridge, 10 per Metu e White. Dall’altra parte tutti il quintetto iniziale in doppia cifra con i 20 di Mitchell, i 18 di Gobert, i 14 di Favors, i 13 di Ingles e i 12 di Rubio, ma c’è anche il contributo delle seconde linee con i 15 di Korver e gli 11 di O’Neal. E Utah, al terzo successo nelle ultime quattro uscite spera di aver ritrovato definitivamente quella continuità che gli è mancata in questo altalenante avvio di stagione.

DALLAS NON SI FERMA – Chi, invece, sembra aver trovato la quadratura del cerchio è Dallas che dopo aver battuto Oklahoma, Golden State,  Houston e i Clippers nell’ultimo mese, danno una dura lezione anche ai Portland Blazers (13-11) di Damian Lillard. A guidare i Mavs (12-10) al successo per 111-102 è Luka Doncic, autore di 21 punti, ma protagonista nel finale con un tiro da 3 a 59″ dalla sirena che spezza le gambe agli ospiti capitanati da un Lillard da 33 punti (10/23 dal campo, 8 rimbalzi e 8 assist). Per Dallas si tratta della quinta vittoria in sei partite. Solo i Lakers, prossimi avversari degli Spurs, sono riusciti a sorprendere gli uomini di coach Carlisle.


Basket, Nba: crisi senza fine per San Antonio, Dallas prosegue la rincorsa

Luka Doncic

CROLLANO CHICAGO E MIAMI – Inizia male la nuova avventura da head coach di Jim Boylen a Chicago. I Bulls (5-20) si arrendono 96-90 in casa di Indiana (14-10) collezionando l’undicesima sconfitta nelle ultime 12 partite. Tra i Pacers brilla Collison con 23 punti e 8 rimbalzi, mentre agli ospiti non bastano i 21 di Markkanen, che fa registrare al suo attivo anche 10 rimbalzi. Successo esterno per gli Orlando Magic (12-12) che vincono 105-90 a Miami con Gordon che fa 20 punti, uno in più di Vucevic e Ross. Gli Heat (9-14), che sembravano in ripresa dopo due vittorie di fila, rovinano tutto nella ripresa regalando di fatto il terzo quarto agli ospiti che volano dal -4 dell’intervallo lungo al +14 della terza sirena. Gli ultimi 12′ non bastano ai padroni dica per risalire la china. Chiude la vittoria esterna di Sacramento (12-11) in casa dei derelitti dei Phoenix Suns (4-20) per 122-105.

I RISULTATI – Indiana Pacers-Chicago Bulls 96-90; Miami Heat-Orlando Magic 90-105; Dallas Mavericks-Portland Trail Blazers 111-102; Phoenix Suns-Sacramento Kings 105-122; Utah Jazz-San Antonio Spurs 139-105.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi