Basket, Nba: Curry e Durant schiantano Brooklyn, Clippers stendono Washington



WASHINGTON – Il weekend nella Grande Mela si chiude nel migliore dei modi per i campioni in carica. Golden State (6-1), dopo aver battuto venerdì i New York Knicks, si ripetono in casa dei Brooklyn Nets (2-4). Rispetto alla gara del Madison Square Garden dove i Warriors avevano dormito per tre quarti di gara per poi esplodere nell’ultimo periodo, alla Barclays Arena gli uomini di coach Kerr sono attenti sin dalle prime battute di gara: finisce 114-120 con un Steph Curry in vecchio stile, 35 punti per lui, 16 nel primo tempo. Nella ripresa sale in cattedra anche Durant (34 punti) e per i Nets non c’è scampo. I padroni di casa hanno il merito di crederci sino alla fine, perché sotto 63-49 all’intervallo lungo, rimontano fino al -2 a 1’55” dalla fine con un super LeVert (23) e un ottimo Russell (25), ma un canestro nel pitturato di Durant e una tripla di Curry riportano i campioni a distanza di sicurezza fino alla sirena finale.

CLIPPERS AFFONDANO WASHINGTON – Seconda vittoria di fila, la quarta in sei gare, per i Clippers (4-2) di Danilo Gallinari, che superano 136-104 Washington (1-5). Serata non eccezionale per il lungo di Sant’Angelo Lodigiano, che mette a referto 11 punti in 26 minuti ma con 4/14 dal campo (1/3 da tre) e 2/2 dalla lunetta, corredati da 7 rimbalzi, due assist, una stoppata, due palle perse e altrettante recuperate. A trascinare il quintetto di Doc Rivers è soprattutto la panchina da dove arrivano i 17 punti di Williams e i 15 di Bradley. Proprio le seconde linee producono il primo strappo del match: 42-24 all’inizio del secondo parziale. I Clippers toccano anche il +29 e nel finale è garbage time col pubblico di casa esaltati dalle giocate di Boban Marjanovic. Per I Wizards è notte fonda, quinta sconfitta in sei partite.

PRIMA VITTORIA PER OKLAHOMA – Si sblocca, invece, Oklahoma (1-4) che, dopo quatto sconfitte in altrettante giornate, ritrovano il successo battendo 117-110 Phoenix (1-5). Decisivi i 23 punti a testa di Paul George e Russell Westbrook e una difesa impeccabile per tre quarti di gara. A questi si aggiunge una doppia-doppia di Nerleans Noel, 20 punti e 15 rimbalzi, alla sua prima da titolare con la maglia dei Thunder. I Suns affondano già al primo tempo, 88-62 per i padroni di casa che nella ripresa allungano (+20) prima di controllare nel finale. Terza vittoria di fila per Utah (4-2) che sbanca Dallas (4-2) 113-104 con Rudy Gobert (23 punti e 16 rimbalzi) che vince il duello a distaza con DeAndre Jordan (12 punti e 19 rimbalzi).
I RISULTATI – Brooklyn Nets – Golden State Warriors 114-120, Dallas Mavericks – Utah Jazz 104-113, Oklahoma City Thunder – Phoenix Suns 117-110, Los Angeles Clippers – Washington Wizards 136-104.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi