Basket Nba: Irving stellare e Boston impone l’alt a Toronto


NEW YORK –  Boston lancia il guanto di sfida. Al TD Garden si affrontavano le due grandi favorite della Eastern Conference Nba e a spuntarla sono stati i Celtics all’overtime: 123-116 su Toronto, alla terza sconfitta di fila. Sontuoso Kyrie Irving, con 43 punti – di cui 17 negli ultimi 8 minuti dell’ultimo quarto – così da superare il muro dei 10.000 punti in carriera in una serata ulteriormente impreziosita da 11 assist, per quella che è la sua miglior prestazione da quando è a Boston (9-6 per i verdi, quarti ora in classifica). Tatum (21 punti) gli dà man forte e ai Raptors non basta un Kawhi Leonard da 31 punti e 15 rimbalzi. I canadesi, che prima di questa striscia negativa avevano vinto 12 delle prime 13 gare stagionali, restano comunque primi a Est (12-4 il loro bilancio) ma vedono avvicinarsi Milwaukee (11-4), che torna alla vittoria risalendo da -22 e spazzando via Chicago per 123-104 con 25 punti di Bledsoe e 23 a testa per Middleton e Antetokounmpo.

PACERS AL 3° POSTO, BUTLER GIA’ IDOLO DEI TIFOSI SIXERS – Evans (23 punti), Bogdanovic (16 punti e 6 rimbalzi) e Sabonis (15+12) firmano invece il successo di Indiana su Miami (99-91, quarta sconfitta nelle ultime cinque gare per gli Heat, decimi a Est con 6 affermazioni e 9 sconfitte) che vale la terza piazza ai Pacers (9-6), mentre a Philadelphia comincia a funzionare l’intesa fra Jimmy Butler e Joel Embiid: 28 punti per il primo, al debutto davanti ai suoi nuovi tifosi nel Wells Fargo Center, 23 per il centro camerunense nel successo per 113-107 dei Sixers (10-7, quinto posto a Est) su Utah (7-8, 12esimo posto a Ovest).


Basket Nba: Irving stellare e Boston impone l'alt a Toronto

Embiid, Simmons e Butler

DAVIS SI CARICA SULLE SPALLE I PELICANS, BENE I GRIZZLIES – A Minneapolis però non c’è nessuna nostalgia di Butler: 112-96 contro Portland e terzo successo consecutivo dalla trade che ha spedito il 29enne texano ai Sixers. I Wolves (7-9, 13esimo posto a Ovest) ringraziano Wiggins (23 punti) e Rose (17 pt), fra i Blazers (10-5 per la terza poltrona nella Western Conference alle spalle di Golden State e Denver) sottotono McCollum (18 pt) e Lillard (16 pt). Memphis (9-5, 6° posto) supera 112-104 Sacramento (8-7, nona posizione) con 27 punti di Jackson e la ‘doppia doppia’ di Marc Gasol (19 punti e 15 rimbalzi), mentre un mostruoso Anthony Davis (43 punti e 17 rimbalzi) affonda New York permettendo a New Orleans (8-7, ottavo posto a Ovest) di vincere 129-124 dopo essere stata sotto di 11. Perso per infortunio LeVert (stagione a rischio), Brooklyn (7-9) reagisce superando 115-104 Washington (5-10) con 25 punti di Dinwiddie e 23 di Russell.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi