Basket, serie A: Milano cade a Brindisi, Venezia al secondo posto


ROMA – Colpaccio della Happy Casa Brindisi nella prima giornata del girone di ritorno della serie A di basket. Al PalaPentassuglia gli uomini di Vitucci impongono una dura lezione alla capolista Milano, sconfitta 101-92. Ne approfitta Venezia che passa in casa della Fiat Torino (66-73) e aggancia il secondo posto in virtù della sconfitta di Avellino nell’anticipo del sabato. L’Umana Ryer adesso è a sei lunghezze dalla vetta. Varese cade a Brescia (78-73) e viene scavalcata da Sassari che al PalaSerradimigni all’ora di pranzo ha la meglio su Reggio Emilia per 82-71. In chiave salvezza importante successo esterno di Pesaro che espugna Pistoia e allunga sulle ultime della classe. Nel posticipo la Dolomiti Energia Trentino impone lo stop interno a Cremona 89-84 e guadagna due punti fondamentali per la rincorsa all’ottavo posto.

 

HAPPY CASA BRINDISI-AIX ARMANI EXCHANGE MILANO 101-92
(26-16, 45-39, 75-64)
Sull’onda dell’entusiasmo, dopo la vittoria sulla sirena a Trento, Brindisi batte 101-92 la capolista Milano al termine di un match dominato sin dal primo minuto di gara. Inizia la gara con piglio aggressivo la squadra pugliese che già all’8′ è in vantaggio di sei punti. Milano resiste, ma al 7′ piomba a -8. Il primo quarto finisce 26-16. Nel secondo quarto l’Olimpia recupera e raggiunge il pareggio al 15′ con Omic (28-28). James porta i suoi in vantaggio (33-34), ma la situazione favorevole per gli ospiti ha durata breve. Si va all’intervallo lungo sul 45-39, +6 per Brindisi. Il terzo quarto è quello decisivo. La New Basket vola sul +9 al 26′, complice anche una certa precisione al tiro da 3. Il periodo finisce 75-64. Il monologo Brindisi prosegue nel quarto quarto: i biancazzuri restano avanti fino alla sirena, neutralizzando i tentativi degli avversari di avvicinarsi. Al 37′ James porta Milano a -7, ma proprio lo statunitense si fa espellere per fallo antisportivo a 22″ dalla fine facendo calare il sipario sull’Olimpia.

 

HAPPY CASA BRINDISI: Banks 25, Rush, Gaffney 12, Zanelli, Guido ne, Moraschini 25, Walker 9, Cazzolato ne, Wojciechowski 2, Chappell 7, Taddeo ne, Brown 21. Allenatore: Vitucci.
AIX ARMANI EXCHANGE MILANO: James 25, Micov 5, Barbieri ne, Gudaitis 13, Fontecchio 5, Kuzminskas 4, Cinciarini ne, Burns 1, Brooks 7, Jerrels 21, Omic 7, Della Valle 4. Allenatore: Pianigiani
ARBITRI: Martolini-Weidmann-Borgo.
NOTE: Tiri liberi: BRINDISI 24/32, Milano 17/24. Uscito per cinque falli: James.

 

FIAT TORINO-UMANA REYER VENEZIA 66-73
(11-19, 28-39, 53-50)
L’Umana Reyer Venezia espugna il PalaVela di Torino per 66-73 agganciando la Sidigas Avellino al secondo posto in classifica, dietro la capolista Milano, e lasciando la Fiat all’ultimo posto dopo la quinta sconfitta consecutiva. Una vittoria costruita nell’ultimo quarto, figlia delle grandi prove di Daye (14), Haynes (17) e Watt (17): partita che nei primi due periodi sembrava instradata verso una facile vittoria veneziana (28-39 al 20′), ma che il 25-11 del terzo periodo a favore di Torino ha completamente ribaltato: 53-50 il parziale alla terza sirena. Nell’ultimo quarto, però, la maggiore qualità e la voglia di ritornare alle spalle di Milano hanno spinto la Reyer al successo.

 

FIAT TORINO: Wilson 8, Anumba ne, Carr 3, Hobson 16, Guaiana ne, Poeta, Cusin, McAdoo 6, Jaiteh 16, Stodo ne, Portannese 8, Moore 9. Allenatore: Galbiati.
UMANA REYER VENEZIA: Haynes 17, Stone, Bramos 9, Tonut 3, Daye 14, De Nicolao 2, Vidimar 6, Biligha, Giuri, Mazzola 5, Cerella, Watt 17. Allenatore: De Raffaele
ARBITRI: Lo Guzzo-Attard-Nicolini.
NOTE: Tiri liberi: Torino 11/17, VENEZIA 8/15. Uscito per cinque falli: nessuno.

 

VANOLI CREMONA-DOLOMITI ENERGIA TRENTINO 84-89

(21-20, 40-44, 62-60)
Al PalaRadi di Cremona, Trentino si rimette in corsa per un posto nei playof. La squadra di Buscaglia passa 89-84 al termine di un match tiratissimo in cui la Vanoli cede solo nel finale. Nel primo quarto le due difese fanno la differenza e le percentuali al tiro sono bassissime. Due liberi di Diener permettono a Cremona di chiudere alla prima sirena avanti di un punto (21-20). Nel secondo parziale Trento alza il ritmo in attacco e fa sentire il fisico in difesa scappando via sul 30-37 prima di essere ripresa da Mathiang e Saunders e chiudere il tempo sul 40-44. Al rientro dagli spogliatoi la Vanoli piazza un break di 9-2 che le permette di ripassare avanti (49-46), ma una tripla di Mian pareggia i conti prima del controsorpasso firmato Flaccadori. Nell’ultimo e decisivo quarto i padroni di casa, che avevano iniziato col 62-60 a favore, scappano via con Mathiang e Ruzzier (+7, 76-60), ma Trento non ci sta e con un gran lavoro trova il pari (81-81) a 3′ dalla fine. Trento, con 66″ ancora da giocare, cala il break del 5-0 che vale il +3 e la partita, perché Cremona sbaglia l’impossibile consegnando agli ospiti la vittoria.

 

VANOLI CREMONA: Saunders 9, Feraboli ne, Gazzotti 1, Diener 12, Ricci 14, Demps 5, Ruzzier 8, Mathiang 20, Aldridge 8, Stojanovic 7. Allenatore: Sacchetti.

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO: Marble 15, Pascolo 12, Mian 3, Forray, Flaccadori 21, Craft 18, Mezzanotte ne, Gomes 3, Hogue 15, Lechthaler, Jovanovic 2. Allenatore: Buscaglia.

ARBITRI: Rossi-Paglialunga-Capotorto.

NOTE: Tiri liberi: Cremona 23/36, Trento 20/24. Usciti per cinque falli: Marble e Hogue.

 

GERMANI BRESCIA-OPENJOBMETIS VARESE 78-73
(16-17, 41-28, 63-53)
Seconda vittoria consecutiva per la Germani Brescia che impone uno stop alla quinta della classe Openjobmetis Varese fermata sul 78-73. Il primo quarto viaggia sui binari dell’equilibrio e dell’aggressività difensiva delle due squadre: da un lato la parte del leone la fa Hamilton, dall’altro Scrubb che con i suoi 13 punti (3/3 dall’arco) consente agli ospiti di chiudere avanti 17-16 il parziale segnato anche da un antisportivo a Cunningham e un tecnico fischiato alla panchina di Brescia. Il secondo quarto inizia all’insegna di Abass e Laquintana che con il contributo di Cunningham portano la squadra di casa sul +7 (27-20) del 5′. Ma il grande protagonista è Abass che veste i panni del trascinatore portando Brescia all’intervallo lungo avanti con un eloquente 41-28. Alla ripresa del match la Germani scava un solco ulteriore: +20 al 4′, 55-35. Tuttavia la gara ha ancora molto da dire e l’Openjobmetis con due bombe di fila di Natali prova lo scatto d’orgoglio: l’energia ritrovata porta gli ospiti sul -11, 59-48 all’8′. Ne esce un parziale molto equilibrato che porta le squadre all’ultima contesa sul 63-53 Germani. Si segna molto poco nell’ultimo parziale, in cui va in scena una sorta di testa a testa tra Moss e Archie con quest’ultimo che porta i suoi sul -4 all’8′: 73-69 e time out chiamato dal coach della squadra di casa che alla fine la spunta 78-73.

 

GERMANI BASKET BRESCIA: Hamilton 13, Abass 19, Mensah ne, Laquintana 9, Cunningham 12, Caroli ne, Dalco’ ne, Beverly, Zerini 2, Moss 13, Sacchetti 10. Allenatore: Diana.
OPENJOBMETIS VARESE: Archie 5, Avramovic 10, Gatto ne, Iannuzzi 1, Natali 9, Salumu 5, Scrubb 31, Verri ne, Tambone 3, Cain 2, Ferrero, Moore 7. Allenatore: Caja.
ARBITRI: Filippini-Sardella-Morelli.
NOTE: Tiri liberi: Brescia 15/22, VARESE 9/16. Uscito per cinque falli: nessuno.

 

BANCO SARDEGNA SASSARI-GRISSIN BON REGGIO EMILIA82-71
(27-21, 50-40, 64-64)
Nel lunch match la Dinamo Sassari Banco di Sardegna centra la quinta vittoria consecutiva. La squadra di Vincenzo Esposito batte la Grissin Bon Reggio Emilia 82-71 dopo aver controllato la partita senza troppi patemi. Reggio parte lanciatissima e dopo pochi minuti scappa sul 9-0. Sassari tarda a carburare, ma si riprende subito e chiude il primo quarto avanti 27-21. Vantaggio che si dilata alla seconda sirena: 50-40. Dopo il riposo Sassari vola sul +14, ma Reggio Emilia non molla e con un parziale di 7-0 si tiene attaccata alla partita. Poi Rivers la combina grossa: fa fallo in attacco su Devecchi, lo scaraventa a terra e si becca un antisportivo, protesta e si fa fischiare il tecnico con cui la sua partita si chiude in anticipo. La Grissin Bon ha una reazione straordinaria e si mette a giocare seriamente, passando dal 60-56 al 60-61. Alla terza sirena le squadre sono in parità: 64-64. Proprio nel suo momento migliore Reggio si disunisce e permette ai sardi di riprendere il comando delle operazioni, chiudendo in una manciata di possessi ogni discorso.

 

BANCO SARDEGNA SASSARI: Spissu 3, Martis ne, Smith 14, McGee 9, Carter 8, Devecchi 3, Magro 4, Gentile 12, Thomas 6, Polonara 6, Diop, Cooley 17. Allenatore: Esposito.

GRISSIN BON REGGIO EMILIA: Mussini 14, Allen 21, Diouf, Candi 8, Rivers 11 Gaspardo 5, Vigori ne, Cervi 10, Soviero, Ortner 2. Allenatore: Cagnardi.

ARBITRI: lanzarini, Perciavalle, Vita. NOTE: Tiri liberi: SASSARI 7/10, Reggio Emilia 13-16. Usciti per cinque falli: Cooley.

 

SEGAFREDO BOLOGNA-ALMA TRIESTE 82-74
(17-13, 35-27, 65-45)
La Virtus Bologna ha vinto agevolmente contro Trieste, restando così tra le prime otto in classifica, con una buona prova dal neoacquisto Moreira, il migliore a rimbalzo (12). Ma come in altre occasioni, è stato Punter con 16 punti nel terzo quarto (per un parziale Virtus di 31-18) a dare la scossa decisiva per il +21 (64-43) prima di un rilassamento finale che ha fatto sì che Trieste chiudesse con la singola cifra di svantaggio. I giuliani, con Peric, Mosley e Cavaliero, sono stati in gara soprattutto nel primo quarto (davanti 9-13) ma poi, complici troppe palle perse ed una difesa più attenta di Bologna sono sempre stati indietro e costretti ad inseguire. La Virtus con il fenomeno Punter (23 punti alla fine con 5/8 da tre) ha mascherato i limiti di un attacco un po’ sterile, in cui Aradori non si è visto (1/5) e M’Baye è andato a corrente alternata, con qualche problema in regia. Ma il risultato non è mai stato in discussione.

 

SEGAFREDO BOLOGNA: Punter 23, Martin 8, Moreira 10, Pajola 1, Taylor 5, Baldi Rossi 5, Cappelletti 2, Kravic 12, Venturoli ne, Aradori 5, Berti ne, M’Baye 11. Allenatore: Sacripanti.

ALMA TRIESTE: Coronica ne, Peric 9, Fernandez 12, Wright 5, Strautins 9, Cavaliero 13, Da Ros, Sanders 4, Knox 6, Dragic 4, Mosley 12, Cittadini. Allenatore: Dalmasson.

ARBITRI: Mazzoni-Calbucci-Giovannetti.

NOTE: Tiri liberi: Bologna 17/24, Trieste 7/17. Uscito per cinque falli: nessuno.

 

ORIORA PISTOIA-VL PESARO 77-81
(17-30, 46-46, 62-60)
Pesaro gioisce, mentre per Pistoia la classifica si fa sempre più difficile. I marchigiani iniziano bene nel primo periodo al contrario dei toscani che stentano in attacco e fanno acqua da tutte le parti in difesa: 17-30 alla prima sirena. Nel secondo quarto in due minuti i padroni di casa confezionano un parziale di 12-1 e tornano a meno 2 (20-31). Pesaro prova a ricacciare indietro la minaccia con due triple mortifere di Artis che riportano Pistoia a meno 9 (29-38), ma non basta. La OriOra piazza un altro allungo di 8-0 e per la prima volta nel match mette il naso avanti (37-38). La partita cambia faccia e diventa una lotta senza quartiere fino alla fine del periodo con le squadre in equilibrio (46-46). Nella ripresa si gioca punto a punto, a 12 secondi dalla sirena finale Pesaro è sopra di 1 punto (77-78) con McCree in lunetta che fa 2/2. Dominique Johnson prova la tripla del pareggio, ma il tiro si spegne sul ferro così come le speranze di Pistoia di vincere.

 

ORIORA PISTOIA: Bolpin ne, Della Rosa 5, Johnson K. 9, Peak 14, Krubally 9, Auda 4, Di Pizzo ne, Martini 11, Querci ne, Severini, Johnson D. 14, Gladness 11. Allenatore: Ramagli.

VL PESARO: Blackmon 27, McCree 26, Artis 13, Murray 2, Conti ne, Tognacci ne, Ancellotti 2, Alessandrini ne, Monaldi, Shashkov, Zanotti 5, Mockevicius 6. Allenatore: Boniciolli.

ARBITRI: Sabetta-Vicino-Quarta.

NOTE: Tiri liberi: Pistoia 9/16, Pesaro 24/33. Usciti per cinque falli: Krubally e Artis.


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Realizzazione, creazione, sviluppo siti web ed assistenza informatica Napoli


Realizzazione siti web ed assistenza informatica Napoli


Cartomanzia basso costo


Fabbro idraulico elettricista – Bologna, Ferrara, Parma, Modena


Assistenza caldaie Firenze

Fiorai Napoli, Fioristi Napoli, Fiori Napoli, Fioraio Napoli

Aste Online, Aste al centesimo Online, Aste al ribasso gratuite, Aste online Iphone

cartomanti al telefono

Cartomanzia Divina

Tarocchi decani

Casa dei cartomanti

Astrocartomanti

Studio sibille cartomanzia

Pronto intervento Fabbro, Modena, Bologna, Ferrara

Pronto intervento elettricista, Modena, Bologna, Ferrara

Pronto Intervento idraulico, Bologna, Modena, Ferrara

Incantesimi e legamenti d’amore

Sitiwebs

Sviluppare siti internet

Websolutions

Cartomanti Roma

Cartomanti Napoli

Tarocchi amore futuro immediato relazione

Tarocchi del destino per single e della vita

Lettura tarocchi dell’amore

Studio Sibille Cartomanzia

Cartomanti Sibille

Consulti di cartomanzia

Cartomanzia Promozionale

Cartomanti Sensitive al telefono

Cartomanti Europei

Magia Rossa

Magia Bianca

Magia Nera

Sito web vetrina

Sito web per ristoranti

Realizzazione sito web e-commerce

Software aste al centesimo

Cartomanti al telefono

Tarocchi della zingara

Cartomanzia al telefono

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi