Benessere e crisi in mostra a Pistoia – Arte


(ANSA) – PISTOIA, 12 SET – I leggii in metallo di
‘Dimostrazione’ (1975) di Giulio Paolini, la scultura ‘Asciuga
Ali’ (1995) di Giosetta Fioroni, il giallo accecante del
‘Michelangelo’ (1967) di Tano Festa, e ancora le riflessioni sui
numeri di Fibonacci di Mario Merz e lo Scoglio realizzato da
Pino Pascali nel 1966. Sono solo alcune delle oltre 80 opere che
compongono il percorso di ‘Il benessere e la crisi’, seconda
tappa della mostra ‘Italia moderna 1945-1975. Dalla
Ricostruzione alla Contestazione’ a cura di Marco Meneguzzo, che
la Fondazione Pistoia Musei presenta dal 13 settembre al 6
gennaio nella sua sede di Palazzo Buontalenti.
   
“I visitatori – ha spiegato Meneguzzo – trovano in mostra
opere dal 1960 al 1975, perché è la seconda tappa di un excursus
nell’arte italiana che parte dalla ricostruzione e arriva alla
grande contestazione, cioè l’Italia della modernità”. ‘Italia
moderna 1945-1975’ è un progetto sull’arte italiana del
Novecento con oltre 150 opere provenienti dalle collezioni di
Intesa Sanpaolo.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi