Boxe, è morto Piero Del Papa: fu europeo dei mediomassimi e attore nel cinema



ROMA – Dovendo scegliere due fotografie di Piero Del Papa, morto oggi all’età di 80 anni dopo una lunga malattia, ne riserviamo una al ring ed una al set. Circa la prima, la scelta cade sull’incontro dell’11 marzo 1966 contro Giulio Rinaldi. Si combatteva a Roma e, nonostante il pugile di Anzio godesse del tifo a favore, Del Papa sfoderò il capolavoro della carriera conquistando il titolo europeo dei mediomassimi in un periodo nel quale la corona continentale valeva quasi come quella iridata. Il pisano era già al quinto anno di professionismo e si era fregiato del titolo italiano, conquistato sempre a Roma contro Piero Tomasoni. Pugile non di grande tecnica, fu capace di ottenere risultati di altissimo livello grazie alla determinazione unita alla velocità ed alla capacità di non dare respiro agli avversari lavorando sulla corta distanza. Del Papa ebbe anche una chance mondiale, ma ormai aveva sparato già molte delle sue cartucce: opposto a Caracas al venezuelano Vicente Rondon, fu messo fuori combattimento al primo round da un colpo a freddo.

La foto sul set invece è relativa al film ‘Lo chiamavano Bulldozer”, nel quale Del Papa interpretò il ruolo di un barbiere dall’aspetto burbero che però legava con il protagonista del film, Bud Spencer. E’ la parte più importante delle 8 pellicole che lo videro tra i protagonisti. Tra queste ‘Caro papà’ con Vittorio Gasmann (Del Papa amava ricordare di essere andato a Cannes con la troupe) e ‘Ieri, oggi e domani’ di Vittorio De Sica, al quale prese parte come comparsa e che vinse nel 1965 l’oscar come miglior film straniero.  

 


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi