Cannabis: produttore, campagna sbagliata – Cronaca


(ANSA) – MILANO, 31 MAG – C’è attesa e preoccupazione, a
Milano, nei negozi che vendono la cosiddetta ‘Cannabis legale’ o
‘Cannabis light’. Da un lato, infatti, si teme che il recente
pronunciamento della Corte Costituzionale possa dare via a una
stretta sulle licenze di commercializzazione, dall’altra si
recrimina sulla “speculazione politica” che sta creando “fake
news” sui prodotti a base di marijuana.
   
“Si tratta proprio di un’altra cosa”, dice Maurizio Gola,
titolare di una rivendita che espone il marchio ‘Santamaria’.
   
“Qui vengono donne a comprare l’olio per i dolori mestruali,
sportivi per i prodotti antidolorifici – racconta – Poi, certo,
arriva anche qualche ragazzo che chiede da fumare e gli dico che
ha sbagliato posto”. “Io ho investito in una nuova attività –
spiega un ex manager che ha deciso di darsi alla coltivazione di
canapa – e questa campagna politica è sbagliata non solo perché
mette a rischio i posti di un settore in espansione, ma perché
sta screditando un mondo che nulla ha a che vedere con la
droga”.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi