Carrère, torna Vite che non sono la mia – Libri


(ANSA) – UDINE, 28 MAG – Un libro “sulla vita e sulla morte,
sulla povertà, la giustizia, la malattia e, soprattutto
l’amore”. E’ lo stesso Emmanuel Carrère a definire uno dei suoi
lavori più empatici e commoventi Vite che non sono la mia che
dal 13 giugno prossimo torna nelle librerie italiane per i tipi
di Aldelphi nella nuova traduzione di Federica Di Lella e Maria
Laura Vanorio, proprio in occasione della 35/a edizione del
Premio Hemingway che si terrà a Lignano Sabbiadoro dal 17 al 22
giugno prossimi e che assegnerà all’autore francese il
riconoscimento per la sezione Letteratura.
Pubblicato in Francia nel 2009, per mesi ‘D’autres vies que
la mienne’ ha dominato le classifiche dei libri più venduti. A
spingerlo a volere raccontare “le vite degli altri”, due episodi
che lo hanno segnato nel profondo: il devastante tsunami in Sri
Lanka del 2004 dove lui stesso si trovava e la morte per cancro
della sorella della sua compagna.
Carrère riceverà il Premio Hemingway sabato 22 giugno.
   
(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi