Che faccia ha la felicità? Ne ha 17, uguali in tutto il mondo


LE ESPRESSIONI non sono tutte uguali ma neppure sono infinite. La gamma di quelle che esprimono gioia e contentezza, poi, ne comprende 17. I ricercatori della Ohio State University le hanno contate sostenendo che differiscono tra loro per qualche sfumature (come l’ampiezza del sorriso o le grinze intorno agli occhi), ma tutte quante rispecchiano la felicità.

LEGGI Tutte le facce dell’orgasmo

•Le espressioni umane
Sono migliaia i modi in cui l’essere umano può configurare le proprie emozioni, sostiene lo studio pubblicato su IEEE Transactions on Affective Computing, ma in realtà risultano 35 in tutto le espressioni che abbiamo a disposizione per comunicare agli altri i nostri sentimenti nelle diverse culture. Se il disgusto in genere ha bisogno di una sola espressione facciale, si utilizzano invece tre espressioni per trasmettere paura, quattro per la sorpresa e cinque per veicolare tristezza e rabbia.

•La ricerca delle facce sul web
I ricercatori hanno fatto un elenco di 821 parole inglesi che descrivono sentimenti. Le hanno usate per estrarre da internet immagini di volti. Dei traduttori hanno trasposto le parole in spagnolo, cinese mandarino, farsi e russo e poi sono state inserite in motori di ricerca in 31 Paesi in Nord America, Sud America, Europa, Asia e Australia. Basandosi su algoritmi informatici, i ricercatori hanno scoperto che il volto umano è in grado teoricamente di configurarsi in 16.384 modi, combinando diversi muscoli in modi differenti.

•Il confronto nel mondo
Hanno preso le 7,2 milioni di immagini ottenute e le hanno suddivise, alla ricerca di quelle che esprimevano emozioni attraverso le culture, trovandone solo 35. Addirittura soltanto otto se l’analisi era ristretta a un più piccolo numero di culture. “Siamo rimasti scioccati – ha evidenziato Martinez – pensavamo che sarebbero state molte di più”.

La conclusione è che le espressioni universali che esprimono emozioni sono qualche dozzina e la maggior parte sono usate per esprimere gioia. “Questa scoperta è stata un piacere – sottolinea Aleix Martinez, coautore dello studio – perché parla della complessa natura della felicità”.


La Repubblica si fonda sui lettori come te, che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il sito o si abbonano a Rep:. È con il vostro contributo che ogni giorno facciamo sentire più forte la voce del giornalismo e la voce di Repubblica.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/scienze/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi