Chievo, Di Carlo: “Potevamo anche vincere ma sul palo ho tremato”


VERONA – Il Chievo ha ripreso la marcia salvezza agli ordini di Mimmo Di Carlo e il tecnico è più che soddisfatto del secondo pari in due partite: dopo il Napoli, anche la Lazio si deve arrendere. “Sono contento del risultato, potevamo anche vincerla. Complimenti al gruppo, sul palo della Lazio mi sono detto che anche il punto sarebbe stato buono ma siamo stati bravi nel finale a riguadagnare metri, avendo anche due occasioni per vincere. Questo deve essere lo spirito, siamo cresciuti sotto l’aspetto del gioco rispetto a Napoli affrontando un’altra grande squadra come la Lazio, con coraggio e determinazione. Complimenti a loro ma non abbiamo mollato di un centimetro”.

Da Di Carlo arriva anche l’elogio a Pellissier: “L’ho lasciato un po’ di anni fa, è ancora un campione, menomale che abbiamo un giocatore così. Sergio è l’emblema di questo Chievo, sono ripartito da lui, ha l’esperienza e la qualità per trascinare il gruppo: è la nostra bandiera, il nostro simbolo”.

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi