Commerciante ucciso: figlia resta libera – Cronaca


(ANSA) – MILANO, 17 NOV – La Cassazione ha annullato con
rinvio ad un nuovo giudizio del Tribunale del Riesame di Milano
l’ordinanza dello stesso Riesame di custodia cautelare in
carcere per la 45enne Simona Pozzi accusata dalla Procura
milanese di essere la mandante dell’omicidio del padre Maurizio
Pozzi, commerciante di 69 anni ucciso nel suo appartamento in
via Gian Rinaldo Carli, a Milano, il 5 febbraio 2016. La donna,
difesa dal legale Franco Silva, resta, dunque, libera.
   
A fine luglio scorso i pm Alberto Nobili e Antonia Pavan si
erano visti accogliere dal Riesame il ricorso contro il ‘no’ del
gip all’arresto della donna e i giudici avevano stabilito,
quindi, che la figlia del commerciante dovesse andare in
carcere. La difesa, però, ha impugnato l’ordinanza in Cassazione
e stamani è arrivata la decisione. Serve, ha stabilito la
Suprema Corte, una nuova valutazione da parte del Riesame sulla
base degli elementi che la Cassazione indicherà nelle
motivazioni, quando saranno depositate.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:









https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/cronaca_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi