Coppa Libertadores: River Plate prima finalista, Gremio al tappeto in casa


PORTO ALEGRE (BRASILE) – E’ il River Plate la prima finalista della Copa Libertadores 2018. Battuta in casa per 1-0 nella semifinale di andata a Buenos Aires, la formazione argentina ha ribaltato l’esito del doppio confronto con il Gremio, superando a domicilio i brasiliani per 2-1 a Porto Alegre. Decisivo al 95′ un rigore per i ‘milionarios’ concesso con l’ausilio del Var e realizzato da Gonzalo Martínez tra le proteste dei brasiliani. E’ finita con la polizia in assetto antisommossa in campo a difendere l’arbitro dagli assalti dei giocatori del Gremio.

RIVER RIMONTA GREMIO: DECIDE UN CONTESTATO RIGORE – Un’autentica doccia gelata per i campioni in carica della massima competizione continentale per club del Sudamerica, passati fra l’altro in vantaggio al 35′ grazie a un gol realizzato da Leonardo Gomes. Il River però trovava il pari con Rafael Borré all’82’, i brasiliani subito dopo restavano in dieci per l’espulsione di Bressan e nel recupero, dopo un lungo consulto con il Var, il rigore per gli ospiti realizzato da Gonzalo Martinez tra le contestazioni del pubblico dell’Arena do Gremio. Il successivo maxi-recupero di 14 minuti non modificava le sorti dell’incontro.

PALMEIRAS E BOCA JRS SI GIOCANO L’ALTRO POSTO IN FINALE – “Ci abbiamo creduto fino all’ultimo minuto, con fede e voglia di vincere. Abbiamo meritato di passare il turno”, il commento di Javier Pinola, difensore del River Plate che andrà dunque a caccia del quarto titolo in Libertadores. Per il club di Buenos Aires c’è da attendere il nome della rivale che uscirà dalla sfida tra Palmeiras e Boca Juniors con gli argentini che arrivano alla gara di ritorno, mercoledì sera a San Paolo, forti del 2-0 nell’andata della semifinale.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi