De André, Sguardi randagi in foto Harari – Musica


(ANSA) – ROMA, 11 GEN – Fabrizio De André, dentro e oltre il
suo sguardo. Lo raccontano, a 20 anni dalla morte, l’11 gennaio
1999, le oltre 300 fotografie tra colori e bianco e nero di
Guido Harari raccolte nel libro ‘Fabrizio De André. Sguardi
randagi’ (Rizzoli) con la prefazione di Cristiano De André e la
postfazione di Dori Ghezzi.
“Che effetto fa a me rivedere le foto del passato? E’ come
ripercorrere le emozioni che ci hanno accompagnato lungo la
nostra vita, soprattutto se a fissarle è la sensibilità di Guido
Harari, maestro di quell’arte speciale che cattura il miracolo
della natura di quel sorriso unico, quello sguardo unico e
irripetibile, generato dallo stato d’animo di un momento,
risultato dell’alchimia che mescola i vari sentimenti di un
preciso istante” dice Dori nella postfazione.
Tra gli inediti un ritratto di Fabrizio realizzato sulla scia
di una foto del Nobel José Saramago, che lo aveva affascinato.
   
Scopriamo poi De André che si fa tagliare i capelli da Dori e
che abbraccia Fernanda Pivano nel 1997.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:








https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cultura_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi