Dopo 56anni torna dove morì fidanzato Cc – Cronaca


(ANSA) – NUORO, 27 APR – Era il giorno di Natale del 1962
quando la bara con il corpo del carabiniere Carmelo Natoli
Scialli, all’epoca 29enne, ucciso in un conflitto a fuoco mentre
prestava servizio nella stazione di Orgosolo (Nuoro), rientrò
nel paese natale a Piraino (Messina), dove lo aspettava tra le
lacrime l’inconsolabile fidanzata. Cinquantasei anni dopo
Basilia Scaffidi Lallaro, oggi 85enne e residente a Genova,
promessa sposa del militare caduto nelle campagne di Urgurui, è
arrivata a Orgosolo per chiudere il cerchio con quella tragedia
che la vita le ha riservato negli anni della sua giovinezza:
deporre un mazzo di fiori nel punto in cui l’amato aveva perso
la vita.
   
Un dramma che la donna non è mai riuscita a lasciarsi alle
spalle, nonostante un successivo e felice matrimonio e la
nascita della figlia Antonella, che l’ha accompagnata in questo
viaggio in Sardegna. “Ci amavamo tanto fin da quando eravamo
ragazzini, aspettavamo il compimento dei 30 anni per sposarci”,
racconta all’ANSA.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi