E’ italiano il più antico dei predatori: Saltriovenator


UN ROMPICAPO lungo due decenni, alimentato dalla speranza che quella macedonia di frammenti fossili, sopravvissuti alla dinamite, potesse un giorno essere ricomposta fino a delineare la fisionomia del suo colossale proprietario. La vicenda del cosiddetto ‘saltriosauro’, il popolare dinosauro rinvenuto in una cava di Saltrio, in provincia di Varese, e rimasto finora privo di identità, ha trovato oggi il lieto fine. Tramite una corposa monografia pubblicata sulla rivista PeerJ, il paleontologo Cristiano Dal Sasso del Museo di Storia Naturale di Milano, con la collaborazione di Andrea Cau del Museo Geologico Giovanni Capellini di Bologna e di Simone Maganuco, ha descritto e compilato le generalità di Saltriovenator zanellai. Il binomio di questo predatore è un omaggio alle origini del sito di ritrovamento e al suo scopritore, Angelo Zanella, che nel 1996 notò tra i blocchi di calcare quelle che sembravano delle ossa fossilizzate. Salvandole dal frantoio.

•L’IDENTIKIT DELL’ANTICO PREDATORE
Saltriovenator è il primo dinosauro italiano vissuto nel Giurassico, il secondo in ordine di tempo venuto alla luce nel nostro Paese nonché la terza specie italiana istituita ufficialmente. Ma soprattutto, è in assoluto il più antico ceratosauro ad oggi noto: una scoperta che anticipa la comparsa dei grandi dinosauri predatori di 25 milioni di anni. La corsa agli armamenti che avrebbe spinto l’evoluzione dei dinosauri verso predatori massicci ed erbivori giganteschi era dunque già in atto quasi 200 milioni di anni fa.

“Nel Giurassico inferiore i predatori erano di dimensioni relativamente contenute, i più grandi raggiungevano i 5 metri” spiega Dal Sasso, che prosegue: “Le stime suggeriscono che Saltriovenator fosse lungo almeno 7,5 metri e pesasse oltre una tonnellata. Una taglia impressionante per l’epoca, tanto più se si considera che al momento della morte il nostro esemplare non era ancora adulto e dunque avrebbe potuto crescere ancora”. Le analisi recenti indicano che il dinosauro di Saltrio fosse piuttosto diverso dal suo primo identikit, abbozzato a inizio millennio quando tutti e 132 i resti ossei furono estratti dal calcare in cui erano imprigionati. La frammentazione delle ossa e la compresenza di caratteristiche anatomiche ancestrali e moderne resero fin da subito complicata la ricostruzione.


E' italiano il più antico dei predatori: Saltriovenator

Cristiano Dal Sasso, Simone Maganuco e Andrea Cau esaminano le ossa di Saltriovenator zanellai, custodite al Museo di Storia Naturale di Milano (credits: Gabriele Bindellini

•IL PUZZLE DELLE OSSA E LA STAMPA 3D
“Sfortunatamente, non tutti i frammenti coincidono. Tuttavia, alcuni si sono rivelati adiacenti, permettendoci di ricostruire intere ossa” prosegue Dal Sasso, ricordando il paziente lavoro di analisi condotto in questi anni affinché ogni frammento trovasse il proprio posto. “Per risalire all’origine di quelli più minuti abbiamo esaminato, sequenza per sequenza, i filmati di vent’anni fa, quando i fossili furono estratti dalla roccia”. Per completare il puzzle, i paleontologi hanno fatto ricorso massiccio alla stampa 3D: la possibilità di riprodurre copie speculari ha permesso di combinare, per esempio, i frammenti della scapola sinistra e di quella destra, ottenendo un osso più completo. Il paleontologo si è inoltre recato negli Stati Uniti per studiare di persona gli scheletri più completi di specie affini, come quello del Ceratosaurus nasicornis custodito allo Smithsonian di Washington.

•IL DITO MANCANTE
La ricostruzione degli arti anteriori, in particolare, è stata determinante per fare luce sulla filogenesi dell’animale. Nel corso dell’evoluzione, i dinosauri predatori hanno progressivamente perso il mignolo e l’anulare, fino a giungere alla struttura a tre dita che sarà il precursore dell’ala degli uccelli. Le analisi recenti hanno chiarito che Saltriovenator possedeva quattro dita, possenti e artigliate, e non tre come precedentemente ipotizzato. “I resti di Saltrio non appartenevano dunque a un piccolo allosauro primitivo bensì al più grande e antico ceratosauro del Giurassico. Uno scheletro ingombrante che finalmente è uscito dall’armadio” scherza Dal Sasso, ripensando alla storia travagliata dell’antico cacciatore di Saltrio.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/scienze/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi