E’ un roditore il primo mammifero estinto per i cambiamenti climatici


LO CONOSCEVANO conoscevano da appena cent’anni e per colpa nostra lo abbiamo già perso per sempre. Addio al piccolo roditore Melomys rubicola, che ha un triste primato: è il primo mammifero dichiarato estinto al mondo a causa del cambiamento climatico.
 

Da circa dieci anni di questo particolare animale simile a un grosso topo non c’era traccia: l’ultima volta era stato avvistato nel 2009 nello stesso luogo in cui ha sempre vissuto, la piccola isola di Bramble Cay, tra la Papua Nuova Guinea, l’Australia e lo Stretto di Torres. 

 

Un pezzo di terra e sabbia minuscolo, di appena cinque ettari, con coste alte poco più di tre metri dove alcuni animali, fra cui le tartarughe marine e alcune specie di uccelli, vivevano fino a poco tempo fa serenamente. La vera star dell’isola era proprio il roditore, anche conosciuto come ‘Melomys di Bramble Cay’, classificato dallo zoologo britannico Oldfield Thomas nel 1924. 

 

Questo mammifero, uno dei più isolati del mondo, già alcuni anni fa era però stato dichiarato vicino all’estinzione dai biologi dell’Università del Queensland che avevano indicato, fra le cause principali della sua scomparsa, gli effetti del cambiamento climatico generato dall’uomo. a preoccupare era l’innalzamento dei livelli del mare.

 

Prima di essere classificato il roditore era stato già stato avvistato nel 1845, quando fu inizialmente scambiato per un grosso ratto. Nel 1987 invece ci furono alcuni studi sulle popolazioni di Melomys che ne indicavano diverse centinaia di esemplari presenti sull’isola: vivevano in piccole tane scavate nel terreno.

Negli anni Duemila, dopo che dal 1983 era già stata riscontrata un’allarmante carenza di esemplari a Bramble Cay, sono state condotte nuove ricerche fino a un rapporto del 2014 che ne decretava, praticamente, l’imminente scomparsa. Il 18 febbraio 2019 il governo australiano, in una breve nota del ministro dell’Ambiente Melissa Price, lo ha poi dichiarato definitivamente estinto.




http://www.repubblica.it/rss/ambiente/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi