Emma Dante e Profokiev all’Opera di Roma – Musica


(ANSA) – ROMA, 16 MAG – ‘L’angelo di fuoco’, l’opera di
Prokofiev che andrà in scena il 23/5 all’Opera di Roma, “è una
tragedia lirica che per me si sviluppa incessantemente,
clamorosamente e forsennatamente attorno a una donna, Renata”,
dichiara Emma Dante, che ne firma la regia, tornando a lavorare
col direttore Alejo Pèrez, con cui aveva già realizzato una
‘Cenerentola’ di Rossini (che verrà ripresa dall’8 al 13/6).
   
L’opera avrà 6 repliche, compresa l’anteprima giovani del
21/5, e Renata sarà il soprano Ewa Vesin: “Assillata da un
angelo che è un diavolo, da creature strane e magiche, è pur
sempre una donna, che in un fantastico inizio è invasata,
posseduta, poi affrontare momenti fisicamente tempestosi”. E
così, per quest’angelo diviso tra bene e male, la Dante ha
scelto come interprete “un danzatore di breakdance, che si
presenta alla donna a testa in giù, come calpestando il cielo”,
all’interno di “un ambiente sotterraneo, una sorta di ventre
naturale per il quale mi sono ispirata alle cripte dei
cappuccini di Palermo”.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi