Esce ‘Più lontano di così’ di Lerro – Libri


(ANSA) – MILANO, 5 LUG – Un romanzo sulle radici e sul
desiderio, un’indagine sulla forza della scrittura, che porta
all’unica verità possibile: tutte le famiglie hanno un segreto
da nascondere. Mescola amore e ossessione, tra delitti,
vendette, passioni e gelosie, ‘Più lontano di così’, il nuovo
romanzo di Lucrezia Lerro (La nave di Teseo, Collana Oceani, pp.
   
184, euro 17) che l’autrice ha presentato a Milano insieme a
Massimo Recalcati.
Protagonista del libro è Leda, ossessionata fin da bambina
dalla fotografia dello zio Luigi, morto prematuramente a
diciannove anni. Ripercorrendo le tracce della fine del ragazzo,
trova una storia sommersa e affronta le verità che la sua
famiglia ha nascosto per tanti anni. Per placare i fantasmi che
la perseguitano, inizia un’indagine che la porta a Francesca, la
zia di Luigi, la donna che gli ha sparato. Perché la vicenda è
stata occultata dalla sua famiglia? Le lettere dello zio, le
fotografie, i diari, i proiettili, i verbali l’aiutano a capire.
   
Così, nell’archivio di Rebibbia a Roma, scopre uno scenario
inaspettato, le prove vive dell’omicidio. Con l’avanzare delle
ricerche, la vita di Leda sembra intrecciarsi indissolubilmente
a quella dello zio: sono due facce del Sud Italia, due giovani
poveri e in cerca di fortuna. Una frase, letta sul diario
dell’assassina, assilla Leda. Il giorno prima del delitto,
Francesca aveva annotato: “Uccideresti un ragazzo di diciannove
anni perché ti ama?”.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi