Facebook potrebbe farti nascondere parole, frasi ed emoji offensive


POTREBBE essere l’ennesima strada per cercare di tranquillizzare il dibattito su Facebook. Una ricercatrice, Jane Manchun Wong, ha infatti scovato una nuova funzionalità del social network, rilanciandola su Twitter. Consentirebbe in sostanza di bannare, cioè nascondere, specifiche parole, frasi e perfino emoji dai commenti della propria bacheca. In pratica, chi usa un certo lessico sgradito semplicemente sarà cancellato dalla discussione sotto a un certo post.
 
L’eliminazione avrà però un effetto di schermatura solo per la bacheca dell’utente che ha deciso di vietare quel determinato gruppi di termini o frasi. Gli altri, l’autore e i suoi amici per esempio, potranno invece visualizzare il commento. Ciascun intervento andrebbe moderato in base al contenuto ed eventualmente approvato o del tutto eliminato.
 
L’opzione somiglia a qualcosa di simile già disponibile su Instagram, dove gli utenti possono filtrare i commenti ai loro post aiutati da un gruppo di parole-chiave. Anche Twitter consente di impostare un simile blocco. Facebook, invece, ha solo un filtro per i commenti spam che tuttavia non consente particolare personalizzazione. In questo modo discorsi d’odio, insulti e altri tipi di fenomeni specifici possono essere facilmente tenuti fuori dalle discussioni nella propria bacheca. Rimane da capire dov’è che l’autore e i suoi amici possano visualizzare quel contenuto.
 
Non è chiaro se e quando questo test condotto su un ristretto numero di utenti, come accade in continuazione sulla piattaforma, si trasformerà in qualcosa di concreto. Se, cioè, l’opzione cambierà in parte aspetto o se invece, più o meno, arriverà in questa forma.

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi