Figlia anziano ucciso, ‘Non è giustizia’ – Cronaca


(ANSA) – BOLOGNA, 31 MAG – “È una sentenza profondamente
ingiusta e sono profondamente delusa, se questa è la giustizia
in Italia. Sono invece molto contenta che la Procura generale
abbia fatto ricorso: ci fa sentire che lo Stato c’è”. È la
reazione della figlia di Lanfranco Chiarini, anziano
imprenditore ucciso nella sua casa di Castel San Pietro
(Bologna) il 3 gennaio 2017 da Desmond Newthing, richiedente
asilo nigeriano, alla sentenza della Corte di assise di appello
che, riconoscendo l’attenuante della provocazione, ha ridotto da
16 a 12 anni e 6 mesi la pena. Il sostituto procuratore generale
Valter Giovannini è ricorso in Cassazione.
   
“È stato ingiusta – è la posizione di Alice Chiarini,
diffusa dall’avvocato Massimo Leone, parte civile – la
concessione dell’attenuante, riconosciuta sulla base delle sole
parole dell’imputato, che si è sempre avvalso della facoltà di
non rispondere, per poi parlare con dichiarazioni spontanee e
una lettera solo quando, a giudizio, le prove contro di lui
erano schiaccianti”.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi