Film al giorno: Scamarcio-Mastandrea tra Euforia e dolore – Film


(di Francesco Gallo)
(ANSA) – ROMA, 25 OTT – ‘Euforia’ di Valeria Golino,
distribuito da 01 in 200 copie, è un po’ commedia, un po’
dramma, ambientato, come è, nel luogo principe dei contrasti e
degli affetti: la famiglia. “Come è stato per ‘Miele’ sono
interessata all’etica del quotidiano – dice la Golino – a
quelle situazioni verso cui valga pena porsi certe domande”. E
aggiunge la regista parlando del film, già passato a Cannes
nella sezione Un Certain Regard: “Certo che c’è
dall’autobiografismo in questo lavoro. L’idea è nata da fatti
accaduti a persone a me care, in particolare da alcuni racconti
di un amico che viveva una situazione personale molto difficile
a causa di una grave malattia che aveva colpito suo fratello”.
   
Ed è proprio la storia di due fratelli quella di ‘Euforia’,
ovvero quella di Matteo (Riccardo Scamarcio), giovane
imprenditore di successo, spregiudicato e affascinante
omosessuale, e di suo fratello Ettore (Valerio Mastandrea),
insegnante di scuola media, che vive ancora nella piccola
cittadina di provincia dove entrambi sono nati. Un uomo,
quest’ultimo, alle prese con una mamma noiosa, un figlioletto e
una moglie (Isabella Ferrari) che non sopporta più. Due persone
all’apparenza lontanissime, ma entrambe con un segreto, che la
vita a un certo punto riavvicina attraverso il dolore.
   
Per Mastandrea, il suo personaggio non è affatto un perdente:
“Ettore non è manovrato, come si potrebbe pensare all’inizio, ma
anzi è molto consapevole e si diverte facendo finta di non
sapere e vedere. In realtà – aggiunge l’attore – sia lui che il
fratello sono due narcisi: Ettore è un narciso del dolore,
mentre Matteo ha il narcisismo di chi non ha il coraggio di
essere amato”.
   
Per Scamarcio ‘Euforia’ dimostra che “il confine tra egoismo
e altruismo non esiste e che anzi a volte le due cose si
sovrappongono. In questo film – sottolinea – ci sono tutte
persone che conosco bene anche nella vita. Abbiamo cercato di
lavorare mettendo in gioco anche queste cose, emozioni
personali, esperienze vissute. Il film ci dava l’opportunità di
pescare nella nostra parte emotiva più profonda”.
   
Il film, scritto dalla Golino con Francesca Marciano, Valia
Santella e la collaborazione di Walter Siti e con nel cast anche
Valentina Cervi e Jasmine Trinca, ha come titolo Euforia perché,
si legge nelle note di regia, “è quella sensazione bella e
pericolosa che coglie i subacquei a grandi profondità quando ci
si sente felici e totalmente liberi. Ma è anche la sensazione a
cui deve seguire l’immediata decisione della risalita prima che
sia troppo tardi”.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA










https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cultura_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi