Flussi migratori e cambiamenti climatici: dati allarmanti nel nuovo report


ROMA – Si tende a scindere le questioni. Un conto sono i migranti e un altro il clima. Lo fanno i politici e lo fa la stampa relegando ai primi ampio spazio sempre in chiave emergenziale. Delle questioni ambientali ci si ricorda in occasione dei summit mondiali, guardandosi bene dal correlare i due fenomeni. Costa caro farlo, perché parlare di migrazioni forzate a causa delle crisi ambientali impone una riflessione. E sul banco degli imputati c’è quello che ancora in molti considerano l’unico modello di sviluppo possibile, ovvero lo sfruttamento intensivo delle risorse naturali e degli esseri umani. Dall’utopia della crescita infinita derivano conseguenze tragiche che incidono sulla vita di milioni di persone.


Flussi migratori e cambiamenti climatici: dati allarmanti nel nuovo report

Il racconto alla rovescia. Un primo tentativo di rendere note le connessioni tra l’ambiente e le migrazioni lo avevano fatto nel 2016 alcuni ricercatori e attivisti dell’ong A Sud Onlus insieme al Centro di Documentazione dei Conflitti Ambientali. Il risultato superò le aspettative. Tant’è che quel primo rapporto finì un anno fa nella sentenza storica del Tribunale de L’Aquila, che riconosceva la richiesta di asilo per ragioni ambientali a un cittadino del Bangladesh. A distanza di due anni, arriva la seconda edizione aggiornata, con nuovi casi di studio e un focus sull’Italia. Il lavoro corale smaschera anzitutto la percezione artefatta del fenomeno migratorio.

I dati dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati rivelano che su 68,5 milioni di persone costrette a fuggire dal proprio paese nel 2017, solo poco più di 113 mila sono arrivate in Europa. Vi sono flussi migratori interni ai paesi di tutt’altra portata. Basti pensare che l’anno scorso gli sfollati interni sono stati 30,6 milioni. Di questi, più della metà, il 61%, a causa di calamità naturali. L’incidenza maggiore si rileva in casi di eventi climatici estremi, come alluvioni e cicloni.


Flussi migratori e cambiamenti climatici: dati allarmanti nel nuovo report

Fenomeni interdipendenti. In Asia orientale e nel Pacifico, in Asia meridionale e centrale, in America e in Europa milioni di persone fuggono da disastri naturali più che da guerre e conflitti. L’unico continente in cui vale il contrario è l’Africa, dove comunque nel 2017 i migranti per ragioni ambientali sono stati 2,6 milioni. Gli stessi dati Istat rivelano che i paesi di origine della maggior parte dei richiedenti asilo in Italia sono la Nigeria, il Pakistan e il Bangladesh. Ovvero paesi segnati da importanti disastri ambientali, causati da cicloni tropicali, inondazioni, piogge torrenziali e frane.

Un capitolo ancora inesplorato dal punto di vista statistico è quello relativo alle conseguenze delle grandi opere degli investitori privati. Gli stessi ricercatori ammettono che: “Siccità e progetti di sviluppo sono all’origine di decine di milioni di sfollati seppur diluiti nel tempo e interagendo con altre concause naturali o antropiche”. C’è l’urgenza di riconoscere una nuova categoria giuridica di richiedenti asilo. In teoria, spiegano gli autori, “i disastri possono rappresentare un’opportunità per promuovere strategie di sviluppo inesplorate”. Occorrerebbe prima riconoscere, però, che esiste un nesso di interdipendenza tra le crisi ambientali e le migrazioni forzate. 


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/solidarieta/rss2.0.xml

Realizzazione, creazione, sviluppo siti web ed assistenza informatica Napoli


Realizzazione siti web ed assistenza informatica Napoli


Cartomanzia basso costo


Fabbro idraulico elettricista – Bologna, Ferrara, Parma, Modena


Assistenza caldaie Firenze

Fiorai Napoli, Fioristi Napoli, Fiori Napoli, Fioraio Napoli

Aste Online, Aste al centesimo Online, Aste al ribasso gratuite, Aste online Iphone

cartomanti al telefono

Cartomanzia Divina

Tarocchi decani

Casa dei cartomanti

Astrocartomanti

Studio sibille cartomanzia

Pronto intervento Fabbro, Modena, Bologna, Ferrara

Pronto intervento elettricista, Modena, Bologna, Ferrara

Pronto Intervento idraulico, Bologna, Modena, Ferrara

Incantesimi e legamenti d’amore

Sitiwebs

Sviluppare siti internet

Websolutions

Cartomanti Roma

Cartomanti Napoli

Tarocchi amore futuro immediato relazione

Tarocchi del destino per single e della vita

Lettura tarocchi dell’amore

Studio Sibille Cartomanzia

Cartomanti Sibille

Consulti di cartomanzia

Cartomanzia Promozionale

Cartomanti Sensitive al telefono

Cartomanti Europei

Magia Rossa

Magia Bianca

Magia Nera

Sito web vetrina

Sito web per ristoranti

Realizzazione sito web e-commerce

Software aste al centesimo

Cartomanti al telefono

Tarocchi della zingara

Cartomanzia al telefono

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi