Formula 1, Gp del Barhain: Hamilton vince ma ammette: “Meritava la Ferrari di Leclerc”


SAKHIR (Bahrain) – Charles Leclerc il più giovane poleman del Cavallino (21 anni), tradito dal motore della Rossa a 10 giri dalla sua prima vittoria mentre è al comando della corsa: finisce terzo solo grazie a una safety car entrata due giri dal termine per un incidente delle due Renault di Daniel Ricciardo e Nico Huelkenberg. Sebastian Vettel, che era riuscito a sorpassare il giovane compagno al via per poi cedere di nuovo la posizione sei tornate dopo al rampante monegasco, perde il sangue freddo e l’ala in un testacoda dopo essere stato pressato da Lewis Hamilton, che lo attacca e sorpassa: costretto ai box, il tedesco rimonta fino al quinto posto dall’ottavo in cui si ritrova rientrando in pista. Nel capovolgimento delle fortune, vincono sempre loro: le Mercedes. Stavolta è Lewis Hamilton primo per il successo numero 85 in carriera e secondo è il compagno Valtteri Bottas ribaltando le posizioni dell’Australia due settimane fa.

LA DIRETTA DELLA GARA

Ma certo non era questo il risultato atteso dopo un fine settimana in cui le Ferrari avevano dominato dalle libere fino alle qualifiche, dominando sulle avversarie. “Oggi è una doppietta mancata. Sono cose che possono capitare, ma bisogna dire che ci è mancata affidabilità e su questo dobbiamo lavorare” ammette il team principal della Ferrari, Mattia Binotto. “Ci sono tante cose positive, dalla prestazione alla reazione avuta dopo l’Australia. Leclerc aveva voglia di fare bene e si vedeva. Mi spiace per lui, ma si impara anche da questo. Quanto a Vettel, dobbiamo parlare e capire cosa gli è successo”. Il tedesco già sa cosa è successo: “Il testa coda? Eravamo molto vicini, ho cercato di prendere l’interno come nel giro prima e ho perso il posteriore. E’ stato un mio errore, ho talmente danneggiato le gomme che c’è stato il guasto all’ala anteriore. Dopo la partenza sapevo che sarebbe stata dura, la macchina era difficile da guidare. Nel complesso non avevo il passo che dovevo avere. Non è stata la gara che volevamo, essendo partiti primi e secondi. E’ una serata deludente, non so cosa sia successo a Leclerc è stato sfortunato perché era la sua gara”.
 
D’accordo anche il cinque volte campione del mondo Hamilton, che ammette con molto fair play: “Oggi Charles meritava la vittoria, sono andato a parlare con lui per congratularmi. E’ stato devastante ma ha davanti a lui tante vittorie”. Chapeau. “E’ stata una gara difficile perché la Ferrari è stata incredibile durante tutto il weekend. Oggi siamo stati fortunati ma bisogna saper prendere le opportunità quando capitano e noi siamo stati bravi ad approfittarne”. Bravissimi col bacio della sorte. “Io alla fine ho dato tutto in gara, ho spinto quanto potevo e la battaglia con Vettel è stata davvero divertente per me. C’era un vento fortissimo che ci veniva in faccia, ho frenato tardi come al solito andando sull’esterno. Non credo di essermi toccato con lui. È un grande risultato per il team, considerando la difficoltà della gara. Ma per Leclerc ci saranno grandissime vittorie in futuro, tanti complimenti per lui”.
 
Anche Bottas, vincitore a Melbourne due settimane fa e che col secondo posto rimane leader della classifica con 44 punti (Hamilton secondo a 43), ammette la buona sorte: “Come team siamo stati un po’ fortunati oggi. Siamo rimasti tranquilli, non abbiamo commesso errori, la macchina è stata molto affidabile anche con questo vento. Grande lavoro in fabbrica, io non ho fatto una grande gara ma non ho commesso errori, quindi va bene così. La partenza? Non darò mai spazio a Lewis, ho avuto un po’ di fortuna e ho battagliato con lui”. Pure il loro capo, Toto Wolff, non può non ammettere la buona sorte: “Abbiamo avuto grande culo. Oggi il dio delle corse ha guardato verso di noi, siamo stati fortunati. La strategia ha funzionato bene, Hamilton ha messo pressione su Vettel ma la verità è che oggi Leclerc era il più veloce. Ma così sono le corse. Loro vanno molto veloce in rettilineo ed è una cosa che dobbiamo capire. Fra i piloti anche negli ordini di squadra bisogna essere prudenti, perché un weekend può andar bene ad uno e quello dopo ad un altro. Per i tifosi è bello vedere quattro piloti che possono vincere il mondiale”.
 
C’è anche Leclerc tra loro (4° in classifica dietro Verstappen con 26 punti, davanti a Vettel che ne ha 22), ma per lui il futuro non era oggi. Dopo aver ceduto la testa a Vettel partito meglio sotto i semafori, è riuscito a rimanere calmo e a riguadagnarsi la leadership: primo podio in carriera per lui, ma sarebbe stato un successo se il suo motore al giro 46 non avesse cominciato a fare le bizze. In radio il monegasco urla affannato al muretto due volte: “C’è qualcosa di strano nel motore, che succede?”. Provano a tranquillizzarlo, ma è evidente il calo di velocità, di quadi 40 km orari. Ne approfitta Hamilton che lo passa senza problemi, ci riesce anche Bottas nonostante il finlandese fosse 23 secondi. Solo la safety car riesce a congelare anche l’eventuale sorpasso di Vesrtappen alle spalle.
 
Charles, deluso ma lucido: “Succede, fa parte del motorsport. Purtroppo oggi non è stata la nostra giornata, ma sono fiducioso che il team ha fatto un lavoro fantastico per recuperare la mancanza di passo che avevamo in Australia. Non so cosa dire, sono estremamente deluso, come tutto il team, ma può succedere nell’arco di una stagione. Avevamo sfruttato al meglio la situazione, abbiamo avuto fortuna in una situazione molto sfortunata, con la safety finale. Altrimenti avremmo concluso ancora più indietro e avremmo avuto problemi con il carburante. E’ molto dura da mandare giù, però grazie al team per la macchina fantastica che mi ha dato e sono sicuro che torneremo ancora più forti. Non sono partito bene, ma siamo stati forti per tutta la gara. E’ un peccato che abbiamo chiuso soltanto al terzo posto, ma fa parte delle corse. E’ il mio primo podio, ma non guardo tanto al risultato, ma a ciò che posso migliorare. Il terzo posto non era quello che meritavamo. Congratulazioni a Lewis e Valtteri”. Chapeau, anche per Charles.
 
 


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Realizzazione, creazione, sviluppo siti web ed assistenza informatica Napoli


Realizzazione siti web ed assistenza informatica Napoli


Cartomanzia basso costo


Fabbro idraulico elettricista – Bologna, Ferrara, Parma, Modena


Assistenza caldaie Firenze

Fiorai Napoli, Fioristi Napoli, Fiori Napoli, Fioraio Napoli

Aste Online, Aste al centesimo Online, Aste al ribasso gratuite, Aste online Iphone

cartomanti al telefono

Cartomanzia Divina

Tarocchi decani

Casa dei cartomanti

Astrocartomanti

Studio sibille cartomanzia

Pronto intervento Fabbro, Modena, Bologna, Ferrara

Pronto intervento elettricista, Modena, Bologna, Ferrara

Pronto Intervento idraulico, Bologna, Modena, Ferrara

Incantesimi e legamenti d’amore

Sitiwebs

Sviluppare siti internet

Websolutions

Cartomanti Roma

Cartomanti Napoli

Tarocchi amore futuro immediato relazione

Tarocchi del destino per single e della vita

Lettura tarocchi dell’amore

Studio Sibille Cartomanzia

Cartomanti Sibille

Consulti di cartomanzia

Cartomanzia Promozionale

Cartomanti Sensitive al telefono

Cartomanti Europei

Magia Rossa

Magia Bianca

Magia Nera

Sito web vetrina

Sito web per ristoranti

Realizzazione sito web e-commerce

Software aste al centesimo

Cartomanti al telefono

Tarocchi della zingara

Cartomanzia al telefono

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi