Gb, deputati contro Facebook: “Gangster digitali, basta autoregolamentazione”


L’ULTIMO monito contro il monopolio targato Facebook arriva dal Regno Unito. I deputati della commissione guidata dal conservatore Damian Collins, da mesi in polemica con Zuckerberg e la sua società, evocano – in circa 100 pagine di rapporto – violazioni commesse “intenzionalmente” dal social network rispetto alle norme britanniche sul rispetto della privacy del pubblico e sulla concorrenza fra imprese. Mentre imputano al fondatore dell’azienda, che durante le udienze dell’inchiesta si è limitato a mandare a Londra alcuni dirigenti, di aver mostrato “disprezzo” verso il Parlamento britannico.

Di qui la raccomandazione rivolta al governo di Theresa May e a Westminster in favore di un intervento legislativo “radicale” per bilanciare i rapporti di forza fra “queste piattaforme e gli utenti”. “L’era di un’inadeguata autoregolamentazione deve aver fine”, dice Collins illustrando il rapporto. “I diritti dei cittadini vanno assicurati legalmente” e a tutti i giganti del web – non solo Facebook – va “imposto di aderire a un codice di condotta definito per legge dal Parlamento e soggetto alla supervisione di un regolatore indipendente”, puntualizza.

Nel testo si raccomanda inoltre al governo britannico di promuovere una “inchiesta indipendente” anche sul fenomeno delle cosiddette fake news e sui sospetti di presunte ingerenze “straniere” – per esempio russe – attraverso internet nella campagne per il referendum sull’indipendenza della Scozia del 2014, sulla Brexit del 2016 e per le elezioni politiche britanniche del 2017.




http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi