Giudice,migranti discriminati da sindaci – Cronaca


(ANSA) – MILANO, 23 NOV – Con alcune ordinanze adottate
nell’estate 2017 i sindaci dei Comuni lombardi di Inzago,
Cologno Monzese e Gallarate hanno trasmesso “il concetto che
l’accoglienza” dei richiedenti asilo “metta in pericolo di per
sé la salute e l’incolumità pubblica” con “l’unico effetto,
indiretto, di violare la dignità ed offendere le persone
destinate ad essere ospitate in ragione della loro provenienza
etnica e nazionale, alimentando il clima di sospetto,
intimidatorio, ostile ed umiliante”.
Lo scrive il Tribunale civile di Milano in due sentenze con
cui ha dichiarato il “carattere discriminatorio” delle
ordinanze, accogliendo il ricorso dell’Associazione studi
giuridici sull’immigrazione (Asgi), di Avvocati per niente onlus
e del Naga. Il caso, spiega Asgi, era nato quando “numerosi
sindaci leghisti avevano adottato un unico modello di ordinanza”
con la quale “avevano imposto una serie di oneri procedimentali
a tutti i privati che intendessero mettere a disposizione i
propri immobili per attività di accoglienza”.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:









https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/cronaca_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi