Google, maxi multa da 50 milioni di euro in Francia per sfruttamento dati personali


UNA stangata da 50 milioni di euro per lo sfruttamento dei dati personali. E’ la multa da record che Google dovrà pagare in Francia per non avere informato a dovere i suoi utenti. Lo ha annunciato la Cnil (Commission nationale de l’informatique et des libertés), l’autorità nazionale francese per la protezione dei dati, che accusa il colosso Usa di aver violato alcuni obblighi nel quadro del regolamento Ue per la protezione della privacy (Gdpr) entrato in vigore nel maggio scorso.

In particolare, il documento della Cnil spiega che le ragioni di Google relative alla pubblicità vengono rigettate in quanto poco trasparenti. “Il consenso dell’utente non è spiegato a sufficienza”, si legge. Ma non basta, perché lo spezzatino di informazioni diluite in diversi documenti, insiste ancora la nota, non permette a chi utilizza i servizi Google di capire a fondo. Alla voce “personalizzazione degli annunci”, ad esempio, è impossibile venire a conoscenza di tutti i servizi, siti, applicazioni che implicano questo trattamento dei dati (Google search, You tube, Google home, Google maps, Playstore, Google photo, eccetera) e quindi dei dati da questi trattati e combinati.

Ricorsi contro Google erano stati depositati dalle associazioni None Of Your Business (Noyb) e la Quadrature du Net. Questi deploravano che la società americana non disponesse di una valida base giuridica per trattare i dati personali degli utenti, in particolare, a fini pubblicitari mirati. Secondo la stampa francese, si tratta della prima sanzione contro Google nel quadro del nuovo regolamento Ue.


La Repubblica si fonda sui lettori come te, che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il sito o si abbonano a Rep:. È con il vostro contributo che ogni giorno facciamo sentire più forte la voce del giornalismo e la voce di Repubblica.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica




http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi