Guadagnino, tra moda e legami famiglia – Cinema


(ANSA) – CANNES, 17 MAG – Cinema e haute couture, una storia
intima tra Roma e New York sul rapporto tra una madre anziana e
la figlia in una cornice alto borghese, di fiaba, di lusso, di
fruscii di seta e sfavillio di colori. Luca Guadagnino debutta
al festival di Cannes con The Stagerring Girl, un mediometraggio
alla Quinzaine des Realizateurs (“da novelle vaguista, dice, mi
sembra il top”) nato dall’incontro con il designer Pierpaolo
Piccioli Direttore creativo della Maison Valentino appassionato
di cinema. Nel cast Julienne Moore, Marthe Keller, Alba
Rohrwacher e altrettanto protagonista l’abito declinato nelle
forme sofisticate di ben quattro collezioni di alta moda. “La
moda è un film interiore” dice Piccioli. Il progetto “è nato
dall’incontro, amicizia e ammirazione per il lavoro di
Piccioli”, racconta Guadagnino alle prese con la sua prima serie
tv con Hbo e Sky We Are Who We Are su un gruppo di adolescenti
americani in una base militare americana in Italia ha detto il
regista

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi