Il disegno italiano nel ‘900 – Arte


(ANSA) – Roma, 25 NOV – Cento anni di storia dell’arte
italiana attraverso il disegno. Un concentrato di grandi nomi
per leggere come nel corso del Secolo Breve i maestri hanno
affrontato i fermenti della modernità. Da Boccioni a Balla, Da
Sironi a De Chirico, La Scuola Romana, Modigliani, Cucchi,
Capogrossi, Fontana, gli anni Cinquanta e Sessanta, l’informale,
fino al Duemila: è una cavalcata tra i giganti del segno la
mostra che la Galleria Russo di Roma propone fino al 13 dicembre
con una novantina di opere straordinarie. Tra le carte di
maggiore pregio, tre rari disegni di Amedeo Modigliani
provenienti da una collezione formata all’inizio degli anni
Quaranta mai usciti e riemersi recentemente.
   
“Si è partiti da disegni molto belli e significativi
presentando veri capolavori – spiega il curatore Fabio Benzi -.
   
Alla fine un panorama, seppur molto sintetico, viene fuori. L’
Italia è il paese dove si è inventata l’ idea del disegno,
sicchè il disegno ha una sua continuità, in un rapporto continuo
e costante con l’ Europa”.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:









https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cultura_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi