Inchiesta ‘Scripta Manent’ costata 2 mln – Cronaca


(ANSA) – TORINO, 16 NOV – E’ costata quasi due milioni di
euro alla polizia l’indagine sugli anarchici sospettati di
terrorismo e ora imputati a Torino nel processo ‘Scripta
Manent’. Il dato, proveniente dal Ministero dell’Interno, è
contenuto in un documento prodotto dall’Avvocatura dello Stato
(che si è costituita parte civile).
   
Il processo riguarda 23 persone accusate a vario titolo di
essere nell’orbita dei gruppi Fai-Fri, autori di decine di
azioni a partire dal 2002. Tra gli episodi presi in esame
durante l’inchiesta figurano i plichi esplosivi a Romano Prodi,
Sergio Chiamparino e Sergio Cofferati, le bombe a Torino nel
quartiere della Crocetta nel 2007, l’attentato alla caserma di
Fossano dei carabinieri.
   
Secondo la nota del Ministero, gli “oneri per le attività
info-investigative” ammontano a 1,191 milioni per la Digos di
Torino (comprese le ore di lavoro straordinario e i costi del
carburante), cui si aggiungono 721 mila euro per la Direzione
centrale Polizia di prevenzione per un totale di 1,912 mila
euro.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:









https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/cronaca_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi