Incinta morì dopo operazione, 7 indagati – Cronaca


(ANSA) – FIRENZE, 27 MAR – Sette medici indagati con l’accusa
di omicidio colposo per la morte di una donna di 30 anni alla
27esima settimana di gravidanza, morta il 13 febbraio del 2018
all’ospedale fiorentino di Careggi dopo essere stata sottoposta
a un’operazione di colecistectomia.
   
Secondo quanto riportato oggi su alcuni quotidiani locali, i
sanitari non avrebbero rispettato le linee guida relative alla
procedure preparatorie all’intervento, determinando così la
morte della donna. La donna, obesa e con vari problemi di
salute, sarebbe deceduta per un arresto cardiaco dovuto a
embolia polmonare dovuta a una trombosi venosa. La circostanza
avversa, secondo quanto riportato, si sarebbe verificata poiché
i sanitari non somministrarono alla paziente la terapia
antitrombotica, omettendo di somministrale una prima dose di
eparina a basso peso molecolare 12 ore prima dell’operazione.
   
Per l’episodio sono indagati due ginecologi, due anestesisti, un
gastroenterologo e il chirurgo che operò la 30enne.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi