Indagato per morte padre, ‘avvelenato’ – Cronaca


(ANSA) – BOLOGNA, 15 NOV – Un 38enne è indagato a piede
libero a Bologna per l’omicidio volontario premeditato del
padre, 70 anni, morto il 4 novembre in circostanze non chiare,
dopo essere stato dimesso dall’ospedale Maggiore dopo un
ricovero. L’uomo è accusato di aver provocato la morte del padre
iniettandogli farmaci o sostanze venefiche. L’ipotesi dovrà
trovare conferma negli esami tossicologici disposti, insieme
all’autopsia, e di cui si attendono gli esiti.
   
L’inchiesta dei carabinieri di Zola Predosa e del Nas,
coordinati dal Pm Antonello Gustapane. Il 70enne, A.M., era
stato prima ricoverato per un periodo in ospedale, poi dimesso e
infine morto nella sua casa, in provincia. Tra le circostanze,
non l’unica, che hanno portato gli inquirenti a richiedere un
approfondimento, un segno sul collo della vittima, che può far
pensare a un’iniezione. Il figlio, difeso dall’avvocato
Alessandro Veronesi, è stato prima sentito come testimone,
quindi perquisito. Il possibile movente sarebbe di natura
economica.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:









https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/cronaca_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi