Inseguimento Firenze: chiuse indagini – Cronaca


(ANSA) – FIRENZE, 18 OTT – Volevano punire un parente e lo
inseguirono in auto a 100 chilometri all’ora nelle strade di
Firenze, zona via Canova, causando la morte di un ignaro
passante in scooter, Duccio Dini, 29 anni, travolto da auto
mentre era fermo a un semaforo rosso il 10 giugno 2018. La
procura di Firenze ha concluso le indagini indicando come
responsabili dell’omicidio 6 uomini del campo nomadi Poderaccio.
   
Sono Dehran Mustafa di 36 anni, Remzi Mustafa di 20, Remzi Amet
di 65, Antonio Mustafa di 44, Emin Gani di 27, Kole Amet di 39.
   
Il procuratore Giuseppe Creazzo e il sostituto Tommaso Coletta
li accusano, in concorso, dell’omicidio di Duccio Dini e del
tentato omicidio del loro parente, Bajram Rufat che rimase
gravemente ferito, e di lesioni per un altro automobilista di
passaggio, anche lui, come Duccio Dini, estraneo allo scontro
fra rom. Nell’inchiesta c’è un settimo indagato, Kamjuran Amet,
37 anni, per violenza privata: la procura lo accusa di aver
minacciato gravemente di morte Bajram Rufta.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA










https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/cronaca_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi