“Iperattivo e incostante, Leonardo da Vinci soffriva di Adhd”


ROMA – Un genio dalla mente vagabonda, incline alla distrazione e spesso inconcludente, abituato a usare la mano sinistra e con possibili disturbi del linguaggio indicativi di un cervello ‘cablato’ in maniera insolita: Leonardo da Vinci aveva tutte le caratteristiche di un paziente con sindrome da deficit dell’attenzione e iperattività (Adhd). A ipotizzare questa diagnosi, sulla base di documenti storici di biografi e contemporanei dell’artista rinascimentale, è Marco Catani, neuropsichiatra italiano al King’s College di Londra, che pubblica il suo studio sulla rivista Brain.

“Sebbene sia impossibile fare una diagnosi post-mortem su una persona vissuta 500 anni fa – afferma Catani – sono convinto che l’Adhd rappresenti l’ipotesi più convincente e scientificamente plausibile per spiegare la difficoltà di Leonardo nel portare a termine i propri lavori. I documenti storici indicano che impiegava troppo tempo per pianificare i suoi progetti ma mancava di perseveranza. L’Adhd potrebbe spiegare vari aspetti del suo temperamento e del suo genio stranamente inconstante”.

A cinque secoli dalla sua morte, “spero che il caso di Leonardo dimostri come l’Adhd non sia legato a un basso quoziente intellettivo o a mancanza di creatività – continua il neuropsichiatra – ma piuttosto alla difficoltà di capitalizzare il proprio talento naturale. Mi auguro che l’eredità di Leonardo ci aiuti a cambiare lo stigma che circonda l’Adhd”.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/scienze/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi