Jacovitti ad Aosta, 250 disegni – Arte


(ANSA) – TORINO, 27 OTT – “Mio padre regalava i suoi disegni.
   
Qualcuno ne ha approfittato e ne ha fatto incetta. Quando è
morto mi hanno proposto di ricomprare dei disegni di Pinocchio
per 150 milioni. Non potevo permettermelo. Me ne sono rimasti
8″. È il rimpianto di Silvia, figlia del grande umorista e
fumettista Jacovitti.
   
Silvia ha curato con il vignettista Dino Aloi la mostra Il
mondo di Jacovitti al Centro Saint-Benin di Aosta, dove fino al
28 aprile 2019 sono esposti 250 disegni originali. Una mostra
che ha voluto dedicare alla mamma Lilli, morta 3 ore dopo il
marito nel 1997. “È successo a molte coppie, ma forse nessuno ci
ha messo la velocità di mia mamma. È una cosa che auguro a
quelli che si amano”, ha detto all’inaugurazione, presente
l’assessore alla Cultura della Regione Valle D’Aosta, Paolo
Sammaritani. “Mio padre – spiega – non ha mai visto una mostra
su di lui. Questa è molto bella, la porteremo in giro per
l’Italia. Peccato che a Roma e a Milano non si riesca a farne,
vanno solo Manara, Crepax e Tex”. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA










https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cultura_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi