Jeff Buckley, parole di un angelo caduto – Libri


(ANSA) – ROMA, 18 NOV – Per chi negli anni Novanta aveva
venti anni c’era un pugno di “eroi belli e disperati, che
rifuggivano la fama e creavano musica mostruosamente bella e
sincera”: Kurt Cobain, Eddie Vedder, Elliot Smith, Cat Power. “E
poi c’era lui, il più etereo, angelico e profondo di tutti, Jeff
Buckley”. Cosi Federico Traversa spiega la genesi del libro
dedicato al giovane cantautore e chitarrista americano, morto a
Memphis a 30 anni la sera del 29 maggio del 1997, annegato nel
Wolf River dove era entrato vestito e con gli stivali per fare
un bagno. Qualche tempo fa la frase “Ancora mi manca Jeff
Buckley” che un Charlie Brown affranto dice a Lucy ha spinto
Traversa a mettersi all’opera per tracciare un ritratto nuovo
dell’artista. “Mi accorsi che l’unico modo per raccontarlo era
lasciare che a parlare fosse lui stesso”, spiega
nell’introduzione a “Jeff Buckley, l’impressione di essere
eterno” (Chinasky Edizioni), curato con Marco Porsia e Francesca
D’ Ancona, raccolta di “interviste perdute”, edite o mai
pubblicate

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:









https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/cultura_rss.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi