Juventus, bianconeri ma non più a strisce: la nuova maglia fa discutere


TORINO – Ancora bianconeri ma non più a strisce. L’anticipazione lanciata dal sito internet Footy Headlines su quella che potrebbe essere la nuova maglia della Juventus per la prossima stagione ha già iniziato a far discutere. Si tratterebbe di una svolta epocale, il crollo di una delle certezze che rendevano riconoscibile la Vecchia Signora in tutto il mondo: le regole del marketing impongono un cambio di linea per ogni stagione, rendendo unica la maglia dell’anno successivo e quindi più appetibile per collezionisti e tifosi. Specialmente quando tra le tue fila puoi annoverare uno tra i migliori calciatori del Mondo come Cristiano Ronaldo, la cui maglietta è stata la più venduta da quando ha accettato di vestire il bianconero. I colori, si sa, non si possono toccare, rimando alla tradizione e alla storia di un club: ma l’assenza di righe verticali nel nuovo progetto svelato da Footy Headlines ha già scatenato la reazione dei tifosi sui social network. Un taglio netto con il passato, con la tradizione e con la storia: un processo graduale, passato attraverso la versione 2018/2019, quella attualmente indossata da Ronaldo e compagni, che aveva visto ridursi a due davanti e una dietro le strisce nere.

BICOLORE – Il lato destro nero, quello sinistro bianco, una striscia rosa a rendere più graduale il passaggio tra i due colori antitetici: sorvolando sul gusto, che resta naturalmente personale, risulta difficile associare un motivo del genere alla maglia della Juventus. Una reazione condivisa anche dai social, in cui le critiche alla scelta, che è giusto precisare non è ancora stata ufficializzata dalla società bianconera, non sono mancate. Niente strisce, addio al passato: una maglia bicolore che sarà difficile da digerire per i tifosi.

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi