Juventus, Emre Can si ferma per un nodulo alla tiroide


TORINO – Approfondimenti clinici per Emre Can. Un’affermazione che non richiederebbe particolari commenti se non si trattasse di un calciatore non soggetto ad infortuni come quello tedesco, che nei  prossimi giorni “dovrà essere sottoposto ad approfondimenti clinici e strumentali per un nodo tiroideo che potrebbe anche necessitare di un intervento chirurgico”.

Così è stato riportato dal sito internet della società bianconera, che non potrà quindi contare sul tedesco nella prossima partita dell’Old Trafford contro il Manchester United in Champions League. Un problema che va oltre il calcio e gli infortuni che possono occorrere sul campo e che dovrà essere monitorato dallo staff sanitario bianconero.

ALLEGRI CHIEDE IL RISCATTO CONTRO I RED DEVILS – Una disattenzione pagata a caro prezzo, il primo pareggio che ha sporcato la media fino a ieri perfetta della Juventus. Il giorno dopo il mezzo stop della capolista, nato da un errore difensivo sul gol di Bessa, il rammarico ha già lasciato spazio al prossimo impegno, la difficile trasferta di Manchester con lo United: un rallentamento che, se metabolizzato nel modo giusto, potrebbe aiutare la Juventus di Allegri ad alzare ulteriormente l’asticella.

“Ogni partita insegna qualcosa – è stato il commento sui social di Cristiano Ronaldo, il migliore in campo con un gol, un palo e sette conclusioni verso lo specchio della porta -. ora concentrati sulla prossima”. Che per CR7 sarà come una sfida contro il passato, contro quel Manchester, allora guidato da Ferguson, che lo prelevò dallo Sporting Lisbona lanciandolo definitivamente nel calcio mondiale.

LEZIONE DA IMPARARE – Sessanta minuti di superiorità, l’errore difensivo sul gol del pareggio, la confusione a caccia del gol vittoria, agendo disordinatamente e con iniziative individuali senza proporre iniziative collettive. “Disattenzione, superficialità e fretta sono i nostri avversari più difficili da battere” ha twittato Allegri nel post partita, ancora arrabbiato per i due punti persi: “Oggi hanno vinto loro – ha proseguito riferendosi ai tre avversari prima elencati -. Non deve succedere, ma può capitare nel processo per diventare squadra al 100%”.

Errore da non ripetere, per quanto perdonabile, e che dovrà essere una delle basi su cui costruire la miglior stagione possibile: ieri sera contro il Genoa di Juric la nona vittoria in campionato, l’undicesima compresa la Champions, sembrava ormai in tasca, prima del surreale gol che è valso l’1-1. “Se si pensava che il nostro cammino sarebbe stato senza ostacoli, stasera (ieri, ndr) abbiamo  avuto la risposta” conferma Bonucci, colpevole sul gol di Bessa quanto, se non più, dei compagni di reparto: “Inutile guardarci indietro – ha aggiunto nel suo commento affidato a Twitter -. Adesso c’è da guardare avanti e pensare a martedì. A Manchester per una grande partita!”. 

Contro lo United, raggiunto in extremis dal Chelsea di Sarri, servirà una prova a base di concentrazione, intensità, voglia di vincere: “Il Manchester ha gestito male gli ultimi 5′ con il Chelsea? Ho detto ai ragazzi che noi invece ne abbiamo gestiti male 30 di minuti” il commento sarcastico di Allegri a fine partita. Contro i Red Devils certi errori peseranno di più che contro il Genoa: proprio per questo il tecnico bianconero, seppur arrabbiato, non può che essere ottimista. 

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non viviamo di stipendi pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica




http://www.repubblica.it/rss/sport/rss2.0.xml

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi