La casa di Montalbano, quasi un romanzo – Libri


(ANSA) – ROMA, 22 GIU – LA MIA CASA DI MONTALBANO (BALDINI +
CASTOLDI EURO 15 PP 122) La casa di villeggiatura a Punta Secca
tra i ricordi e la rinascita nella fittizia Vigata del
commissario Salvo Montalbano. La racconta Costanza DiQuattro in
una biografia corale ‘La mia casa di Montalbano’, con note del
regista Alberto Sironi e del location manager Pasquale Spadola,
che arriva in libreria per Baldini+Castoldi.
   
E’ la storia da romanzo della villa di Puntasecca, da Bufalino a
Camilleri. Siamo nella Sicilia dei primi anni Novanta, sulla
terrazza della casa sul mare che è entrata nell’immaginario
collettivo, ci sono avventori accaldati, brocche di caffè freddo
e aranciata. I bambini seminano la sabbia sul pavimento. Tra
loro, anche l’autrice, Costanza, che a tinte lievi ripercorre la
sua infanzia e la vita dentro e fuori le stanze della casa di
villeggiatura di famiglia, prima che quelle facessero spazio al
set televisivo ispirato ai romanzi più amati di Andrea
Camilleri.
   
In un valzer di ricordi, tra ospiti illustri, le corse ai ricci
di mare e il confine impaziente tra l’inverno e l’estate, ‘La
mia casa di Montalbano’ regala personaggi insieme unici e veri:
a cominciare dal nonno, chino sul pianoforte o in un baciamano,
e dalla nonna, con la sua grazia decisa e i prendisole fiorati.
   
Eppure, tutto non può che cambiare quando Punta Secca rinasce
nella fittizia Vigata, il vecchio soggiorno in una camera da
letto, e l’uomo di casa in un commissario di polizia: Salvo
Montalbano. “Una biografia che restituisce rughe, vita e passato
a una casa che prima era mia e poi di tutti” dice la DiQuattro,
33 anni, di Ragusa, che dal 2008 si occupa attivamente del
Teatro Donnafugata, teatro di famiglia restituito al pubblico
dopo sei anni di restauri e di cui dal 2010 è direttrice
artistica con la sorella Vicky.
   
Il regista Alberto Sironi spiega come hanno trovato questa casa
a Puntasecca per Montalbano e racconta: “Andrea Camilleri se
n’era andato giovane dalla Sicilia e le avventure di Montalbano,
pur se ambientate oggi, erano piene di ricordi, ricordi del
passato”.
Oggi oltre che set è un noto bed and breakfast sul lungomare di
Santa Croce Camerina, Ragusa, che i milioni di spettatori della
serie dai romanzi di Camilleri conoscono bene.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi